Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv lunedì 4 aprile, su Rai 2 in seconda serata Restart l'Italia ricomincia da te. Anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Restart - L’Italia ricomincia da te è in programma stasera in tv, giovedì 4 aprile, a partire dalle ore 23.35 su Rai 2. Alla corte della brava giornalista Annalisa Bruchi, che conduce il programma, sono annunciati il generale Vincenzo Camporini, il direttore dell’Agi Mario Sechi e la giornalista Rai Maria Cuffaro. Con loro Bruchi analizzerà i nuovi scenari geopolitici che si sono aperti dopo i negoziati di Istanbul e la nuova strategia militare e diplomatica messa in campo dalla Russia. E aprirà una pagina internazionale con Edward Luttwak dagli Usa e con i corrispondenti Rai dalle sedi estere. Si parlerà di stanziamenti per la difesa e del dibattito politico in corso in Italia dopo la mediazione che ha fatto slittare al 2028 l’aumento delle spese militari al 2 per cento del Pil.

Un tema cruciale, che insieme al peso economico dell’industria delle armi in Italia, sarà approfondito anche con l’imprenditore Guido Crosetto e con Peter Gomez, direttore del ilfattoquotidiano.it. Saranno analizzate quindi le ricadute della guerra sulla nostra economia e le sofferenze di aziende e famiglie, costrette ad attraversare un momento difficile. Cosa succederà dopo il decreto di Putin sul pagamento del gas in rubli e l’intenzione della Ue di non cedere al ricatto? E quanto è concreta la sua minaccia di chiusura dei rubinetti?

Altro tema che verrà trattato questa sera: il versante economico della questione umanitaria. Si parlerà del piano europeo per l’accoglienza dei profughi ucraini e della gestione dei circa 78mila che sono già approdati in Italia, con contributi da 300 euro al mese per ogni adulto e di 150 per i minori. Si farà quindi il punto su rifugiati e immigrati dopo la guerra in Ucraina con un tutorial di Carlo D’Ippoliti, docente di economia alla Sapienza e uomo dei numeri del programma. Il mondo è alle prese con uno dei momenti più complessi dal Dopoguerra.