Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gemma Calabresi Milite, chi era il marito Luigi ucciso negli anni di piombo. Il figlio Mario giornalista

  • a
  • a
  • a

Gemma Calabresi Milite ospite di Domenica In, oggi 13 marzo 2022. La vedova del commissario Luigi Calabresi interverrà per presentare il libro La Crepa e la Luce, nel quale racconta la sua vita di mamma e di moglie al fianco del marito, ucciso a Milano il 17 maggio 1972, durante gli anni di piombo.

 

 

Ma chi era Luigi Calabresi? E' stato uno degli incaricati per le indagini della strage di Piazza Fontana e il suo nome arriva presto sulla bocca di tutti a causa della morte del sospettato Giuseppe Pinelli, precipitato dalla finestra dello studio di Calabresi. Il commissario fu ucciso in un attentato i cui colpevoli vennero individuati anni dopo nelle persone di Ovidio Bompressi e Leonardo Marino quali esecutori, mentre Giorgio Pietrostefanie Adriano Sofri furono ritenuti i mandanti. In quel periodo, Calabresi stava investigando su di un traffico internazionale di esplosivi e di armi che sarebbe avvenuto attraverso il confine triestino e quello svizzero. Venne insignito della medaglia d'oro al merito civile alla memoria. Morì all'età di 34 anni, venne ucciso il 17 maggio 1972 alle ore 9:15 a Milano in via Francesco Cherubini, angolo via Mario Pagano, di fronte al civico numero 6, vicino alla sua abitazione, mentre si avviava alla sua auto per andare in ufficio, da un commando composto da almeno due sicari che gli spararono alle spalle. Lasciò la moglie Gemma Capra, incinta, e due figli: Mario, che diventerà noto giornalista e scrittore, e che ha raccontato la storia della sua famiglia nel libro Spingendo la notte più in là, e Paolo. Il terzo figlio, Luigi, nascerà pochi mesi dopo la sua morte.

 

 

Il figlio Mario - dopo gli studi di Giurisprudenza - divenne giornalista. Cronista Ansa, passò poi a La Repubblica e quindi a La Stampa. Nel 2009 diventa direttore de La Stampa mentre il 15 gennaio 2016 sostituisce Ezio Mauro alla direzione de la Repubblica sino al febbraio 2019. Dal 21 febbraio 2020 cura una nuova iniziativa editoriale, scrivendo dei reportage che si possono leggere iscrivendosi al suo sito web. Nella sua carriera di cronista si è occupato di politica ed esteri, da inviato ha racconto l'11 settembre da New York.