Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Cantante Mascherato, stasera in tv 4 marzo 2022 su Rai1: lo spareggio e le anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv - venerdì 4 marzo 2022 - dopo la sospensione della scorsa settimana causa guerra, torna l'appuntamento con Il Cantante Mascherato, lo show di Rai1 (dalle ore 21,25) condotto da Milly Carlucci. Si riparte da dove si era rimasti: nove maschere e un'immediata eliminazione che si compierà subito dopo l'inizio della puntata in onda oggi con lo spareggio tra il Drago e il Pinguino. Le altre maschere che si sfideranno sono la Volpe, la Lumaca, il Camaleonte, il Pesce Rosso, la Medusa, il Pastore Maremmano e Soleluna.

 

 

Nelle due precedenti puntate sono state registrate le eliminazioni del Cavalluccio Marino (Cristina d'Avena), dell'Aquila (Alba Parietti) e della Gallina (Fiordaliso). I duetti previsti oggi - con famosi cantanti italiani - saranno fatti a sfide. Gli abbinamenti: Volpe- “Controvento” vs. Pastore Maremmano- “Meraviglioso amore mio” con Arisa; Camaleonte- “Dove si balla” vs. Soleluna- “Splendido splendente” con Mietta; Pesce Rosso- “Non voglio mica la Luna” vs. Medusa- “Amandoti” con Fiordaliso; Lumaca- “Ciao Ciao” vs. Pinguino- “Il cucuzzolo della montagna” o Drago- “Serenere” con Cristina D’Avena.

 


Al fianco di Milly Carlucci, sempre i quattro investigatori: Flavio Insinna, Caterina Balivo, Francesco Facchinetti, e Arisa. In ogni puntata sono loro insieme al pubblico a casa tramite il voto social (sui profili ufficiali del programma: Instagram, Facebook e Twitter) a giudicare le esibizioni dei concorrenti in gara. Fondamentali per le indagini, il pool investigativo popolare capitanato da Sara Di Vaira nelle vesti di “Capo investigatore” che contribuisce attivamente al lavoro di detective.  Anche in questa serata, il vincitore di Ballando con le Stelle Vito Coppola accompagna con le sue performance alcuni numeri dei protagonisti in gara. Le coreografie delle maschere in sfida sono affidate a Simone Di Pasquale che si avvarrà della collaborazione di Matteo Addino.