Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arturo Brachetti, chi è il trasformista: "Io omosessuale? Periodo felice della mia vita"

  • a
  • a
  • a

Arturo Brachetti ospite di Oggi è un altro giorno, il programma del pomeriggio di Rai1 condotto da Serena Bortone. Il trasformista più conosciuto in Italia - e tra i più importanti d'Europa - si racconterà, dalla vita privata alla carriera. Oltre che del suo spettacolo, la nuova edizione di Solo.The legend of quick-change, in scena al Teatro Sistina dal oggi mercoledì 2 a domenica 6 marzo. Si tratta di un one man show dalle magie visive e il ritmo incalzante. "Porto sul palco 65 personaggi, fra grandi classici e novità. Da Jessica Fletcher del telefilm La Signora in Giallo che diventa Wonder Woman ai protagonisti de La Casa di Carta. Stampo biglietti da 55 euro su carta igienica che lancio al pubblico e vanno a ruba. Si passa dalle ombre cinesi alla chapeaugraphie, dalla sand painting alla manipolazione di luci laser fino al volo" ha raccontato al Corriere della Sera.

 

 

Nato a Torino, 63 anni, la passione per il trasformismo in Brachetti è nata in modo singolare e casuale. Mentre studiava presso i salesiani nella città sabauda infatti, il ragazzo rimase colpito ed enormemente influenzato da un religioso che, per diletto, si dedicava all’arte della prestidigitazione. Fu così che il giovane Arturo decise di lasciare il seminario e fare della prestidigitazione il suo lavoro. Nel 2010 ha ricevuto la laurea honoris causa in scenografia all'Accademia Albertina di Torino. A dicembre 2011 è stato nominato Chevalier des Arts et des Lettres dal Ministro della Cultura francese Frédéric Mitterrand. 

 

 

 

Per quanto riguarda la sua vita privata, si conosce ben poco essendo molto riservato. Però durante un'intervista a Cognome e Nome che il trasformista ha parlato delle sue relazioni in passato: “Omosessuale? E' stato un periodo, peraltro felice, della mia vita". Si sa tuttavia il suo amore per Torino, sua città natale. Quando si trova fuori e sente nostalgia, guarda la Mole e il panorama circostante attraverso la webcam perennemente puntata su di loro che sta sul terrazzo.