Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marino Bartoletti e l'amicizia con Lucio Dalla. Chi è il giornalista: dalla lotta contro un tumore alla morte della moglie

  • a
  • a
  • a

A Oggi è un altro giorno, martedì primo marzo, si ricorderà Lucio Dalla a 10 anni dalla sua morte. Per farlo, la conduttrice Serena Bortone ha pensato di invitare come ospite un suo grande amico, il giornalista Marino Bartoletti, che sui social ha voluto ricordare il cantautore bolognese così: "Dieci anni! Non ci volevo e, per certi versi, non ci voglio ancora credere! Dieci anni oggi. Tanti, troppi... Eppure mai passati. A volte mi aspetto che Lucio mi faccia un agguato dietro le colonne di Piazza Santo Stefano o salti fuori ululando da Corte Galluzzi. E che mi racconti una balla delle sue: chessò che è stato rapito dagli alieni o semplicemente che tutti noi abbiamo preso un abbaglio. "Voglio però ricordarti com'eri" ha scritto il suo amico Francesco G. Io invece voglio ricordarti come SEI! Matto e meraviglioso! Due giorni fa sono andato a casa tua. Avevo bisogno di farlo. Ti ho cercato nel tuo studio (mi sono persino seduto alla tua scrivania dove ho sfiorato il testo originale di "Caruso"), ti ho cercato nel salone delle "colonne", ti ho cercato nella sala della musica dove ho accarezzato il tuo clarinetto, ti ho cercato nella camera da letto sotto ai tuoi angeli, ti ho cercato naturalmente nella "Stanza dello scemo" che è la tua preferita. Momentaneamente non t'ho trovato. Ma non mi arrendo!".

 

 

Bartoletti è stato sposato con Carla Brunelli, morta tragicamente all’età di 65 anni a causa di un incidente domestico. La donna, impegnata nelle pulizie di casa, è rimasta purtroppo schiacciata da una porta finestra automatica. Fu il giornalista che, rientrando nella casa di famiglia a Bologna, nel 2016, trovò la moglie ormai senza vita. Ha due figlie, Cristina e Caterina, che gli hanno dato tre nipoti. 

 

 

Proprio a Oggi è un altro giorno, la scorsa primavera, disse di lottare contro un tumore. "Ho avuto un tumore e forse ce l’ho ancora. Ho grande pudore nel parlare di questa cosa ma è giusto che si sappia, nella misura in cui siamo personaggi pubblici. È una cosa che è scoppiata alla fine della scorsa estate che per fortuna è stata presa per tempo però non possiamo sempre essere figli della fortuna e dire che succede sempre agli altri” ha spiegato.