Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Al Bano, l'amicizia con Putin, i concerti in Russia e l'ingresso nella lista nera dell'Ucraina

  • a
  • a
  • a

Al Bano, pseudonimo di Albano Antonio Carrisi, sarà ospite questa sera di Zona Bianca su Rete 4. Il cantante, infatti, parlerà con il conduttore Giuseppe Brindisi del suo rapporto con la Russia e con l'Ucraina, visto che la puntata sarà incentrata sul conflitto tra i due Paesi. Ma perché è stato invitato un cantante italiano, seppur famosissimo, per parlare di queste due nazioni?

 

 

Al Bano, ai microfoni di Libero, nel 2017 disse di aver conosciuto il presidente Vladimir Putin "nell'86; nel 2005 ho cantato per lui ed Eltsin. Lo trovo un leader interessante, capace di tenere a bada un popolo come i russi. Ha dato un bell'impulso, nell'era di Gorbaciov si è toccato il fondo". Sul leader russo, all'epoca, il cantante disse di lasciar "parlare di politica i politici. Ma se i russi se lo sono tenuti significa che si fidano". Dichiarazioni che fecero sicuramente scalpore, anche in Ucraina, e che gli costarono l'accesso al territorio nazionale.

 

 

Ebbene sì: dal 2014 il ministero della Cultura di Kiev aggiorna periodicamente una "lista nera" di artisti considerati "una minaccia per la sicurezza nazionale" sulla base delle indicazioni del Consiglio per la sicurezza e difesa, dei Servizi di sicurezza (Sbu) e del Consiglio di tv e radio, e nel 2019 all'interno di questa lista finì anche il cantante pugliese. Come si legge su La Repubblica, "il motivo del bando non è mai spiegato. C'è chi ha ottenuto la cittadinanza russa, chi ha espresso apertamente le sue simpatie per Putin, chi ha sostenuto l'annessione della Crimea - illegittima per il diritto internazionale - e chi in Crimea ci è stato. Come la cantante russa in sedia a rotelle Julija Samojlova che nel 2017 avrebbe dovuto rappresentare Mosca all'Eurovision, ma venne esclusa da Kiev che ospitava il festival canoro. Il cantante di Cellino San Marco, ad esempio, non ha mai nascosto la sua ammirazione per Putin. Lo conobbe nel 1987 quando San Pietroburgo si chiamava ancora Leningrado e Putin era ancora un anonimo funzionario del Kgb. Lo ritrovò al Cremlino nel Capodanno del 2005 e cantò alla sua festa di compleanno quattro anni dopo. Nel 2013 scelse proprio la Russia per tornare sul palco insieme a Romina Power. E un anno dopo giustificò l'annessione della Crimea".