Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv lunedì 7 febbraio, su Rete 4 torna Quarta Repubblica. Le anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Come tutti i lunedì, anche stasera, 7 febbraio, su Rete 4 appuntamento con Quarta Repubblica, il programma di informazione e approfondimento condotto da Nicola Porro. Inizio alle 21.20 su Rete 4. Ovviamente ancora una volta al centro dell'attenzione politica, economia, sanità e cronaca, ma anche musica e cultura. Nella puntata di stasera inizialmente si parlerà dei prezzi alti di quasi tutti i beni di prima necessità, delle polemiche sul politicamente corretto dopo il Festival di Sanremo e ci sarà un faccia a faccia con Marcello Veneziani.

Sono molte le famiglie italiane alle prese con i problemi economici. Dopo due anni di Covid, che hanno condizionato l'attività professionale e lavorativa di molti cittadini, ci mancava il caro bollette che ovviamente ha conseguenze ancora più pesanti. Le famiglie continuano a indebitarsi e per molti diventa sempre più difficile vivere vite dignitose. Nel corso della serata, tra i tanti temi di approfondimento, anche le più recenti conseguenze dell’obbligo di green pass, soprattutto sul turismo, e le polemiche sul politicamente corretto dopo l’ultima edizione del Festival di Sanremo.

A parte il successo degli ascolti, nell'ultima kermesse della canzone italiana è accaduto un po' di tutto e come al solito non sono mancate le polemiche che stavolta hanno interessato argomenti come il razzismo e la liberalizzazione delle droghe leggere. Si sono scatenate reazioni di ogni tipo. Quarta Repubblica tirerà le somme e gli ospiti in studio cercheranno di dire la loro sugli argomenti più delicati durante il Festival. Nel faccia a faccia di questa settimana, invece, Nicolo Porro si confronterà con Marcello Veneziani, scrittore e filosofo. Come sempre saranno puntuali gli interventi di Gene Gnocchi e Vittorio Sgarbi. Numerosi e autorevoli gli ospiti della puntata condotta da Porro, dove come al solito si parlerà anche di politica, vista la situazione esplosiva che si è venuta a creare dopo la rielezione di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica.