Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sabrina Ghio, la malattia superata grazie all'amore di Carlo Negri e della figlia Penelope. Ora un nuovo bebè e le nozze

  • a
  • a
  • a

Sarà tra gli ospiti di Verissimo oggi, sabato 5 febbraio, anche Sabrina Ghio. L'ex tronista di Uomini e Donne e ballerina di Amici sarà nel salotto pomeridiano di Canale 5, in onda alle 16,30 e condotto da Silvia Toffanin. Racconterà della sua seconda gravidanza e della nuova storia d'amore con Carlo Negri.

 

 

Sabrina Ghio è nata a Roma il 3 agosto del 1985, ma ha vissuto ad Anzio con la sua famiglia. Fin da piccola si è appassionata alla danza, che l'aveva portata a frequentare il Liceo Linguistico per le Arti dello Spettacolo, con indirizzo appunto danza. Nel 2003 aveva partecipato come ballerina al talent show di Canale 5 Amici, grazie al quale era entrata nel cuore del pubblico, classificandosi al secondo posto dopo Leon Cino. Nel 2007 aveva vinto Reality Circus, ambientato nel tendone di un circo, nel quale si era cimentata in esercizi circensi. Si lega sentimentalmente a Federico Manzolli e nel 2008 era convolata a nozze con l'imprenditore e immobiliarista. Il 24 aprile del 2013 è nata la prima figlia Penelope, ma la relazione con Manzolli era finita nel 2014. Così nel 2017 aveva partecipato a Uomini e Donne come tronista, ricevendo però un "no" da Nicolò Raniolo. Così nel 2018 si è legata a Carlo Negri con il quale convolerà presto a nozze. A giugno nascerà il loro figlio, e oggi si saprà se sarà un maschio o una femmina.

 

 

Sabrina, grazie all'amore di Carlo e a quello della figlia Penelope, è riuscita a superare un momento molto difficile.  A giugno aveva scoperto di avere un processo tumorale in fase iniziale: si era sottoposta a una biopsia e a tutti gli esami del caso, fino a quando il medico le aveva comunicato i risultati, stabilendo la cura da seguire. L'8 luglio si era poi sottoposta a un intervento in cui la parte interessata era stata trattata con un laser nella speranza di bloccare questo processo, che si sarebbe potuto trasformare in un tumore al collo dell'utero.