Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Checco Zalone, da Zelig e Siamo una squadra fortissimi fino ai film da record, moglie e figlie del comico pugliese

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Superospite della seconda serata del Festival di Sanremo, assieme a Laura Pausini, sarà Checco Zalone. Il comico, attore, cantautore e regista pugliese salirà sul palco del teatro Ariston questa sera - mercoledì 2 febbraio - dopo un lungo corteggiamento da parte del direttore artistico e conduttore Amadeus. In tanti, infatti, avevano provato a portarlo nella città dei fiori durante la settimana del festival della canzone italiana, ma è solo quest'anno che salirà per la prima volta sul palco. 

 

 

All'anagrafe Luca Pasquale Medici, Checco Zalone è nato a Capurso, città metropolitana di Bari, il 3 giugno del 1977.  Lo pseudonimo Checco Zalone, in dialetto barese, ricorda l'espressione "che cozzalone!",  che significherebbe "che tamarro!". Fin da piccolo si avvicina alla musica, ereditando la passione del padre, un agente farmaceutico pugliese. Si diploma al liceo scientifico Sante Simone di Conversano e si laurea in giurisprudenza all'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Ma allo stesso tempo inizia anche la carriera musicale, come cantante ai matrimoni, e come comico. Appare infatti con Gennaro Nunziante in alcuni programmi di Telenorba, e nel 2005 sul palco di Zelig Off. Successivamente partecipa a Zelig Circus, dove imita anche Carmen Consoli. Nel 2006 poi la notorietà: prima del mondiale di Germania che sarà vinto dall'Italia, dedica alla nazionale la canzone Siamo una squadra fortissimi. Il pezzo, trasmesso quasi per scherzo durante il programma radiofonico condotto da Ivan Zazzaroni su Radio Deejay, riscuote un successo di pubblico inaspettato. Zalone torna dunque sul palco di Zelig esibendosi in varie performance, comiche e musicali (ma sempre con sfondo comico), e arrivando alla conduzione di un programma su Italia 1 con Amadeus: è Canta e vinci. Nel 2009 esordisce nel mondo del cinema con il primo film Cado dalle nubi, che sarà un vero successo. Zalone è anche candidato ai David di Donatello per la miglior canzone, senza però arrivare alla vittoria. Due anni dopo è la volta del secondo film Che bella giornata, che mel primo giorno di programmazione in Italia ha raccolto la cifra record di 2 milioni e 500 000 euro, mentre nei primi due giorni di programmazione ha incassato un totale di quasi 7 milioni di euro, superando Avatar e Harry Potter. A ottobre 2013 esce il terzo film, Sole a catinelle: dopo soli quattro giorni di programmazione ha incassato ben 18,6 milioni di euro, superando il record conquistato sempre da Zalone con il precedente film del 2009. Il 4 dicembre 2013 il film Sole a catinelle incassa oltre 50 milioni di euro, superando anche gli incassi italiani del film Titanic. Per capodanno 2016 arriva il quarto lavoro, Quo vado?, che diventa campione d'incassi italiano, sfiorando i sette milioni al botteghino nelle prime ventiquattr'ore, e quando esce dai cinema ha incassato oltre 65 milioni di euro: è il film italiano di maggior successo nella storia del cinema nostrano. Il 1º gennaio 2020 al cinema esce il film Tolo Tolo che lo vede impegnato anche come regista: il primo giorno incassa 8.668.926 euro con oltre un milione di spettatori in un solo giorno divenendo il film con il migliore incasso nella storia del cinema italiano nelle prime 24 ore. Il film vince anche il David dello Spettatore della 66° edizione dei Premi David di Donatello. La sua attività non si ferma nemmeno durante il Covid: pubblica prima un video diventato virale su YouTube, dal titolo L'immunità di gregge, e poi la canzone La vacinada, con l'attrice premio Oscar Helen Mirren. 

 

 

Per quanto riguarda la vita privata, è sposato con Mariangela Eboli, sua manager, da quindici anni. I due si sono conosciuti nell’estate del 2006. Hanno due figlie, Gaia e Greta, nate nel 2013 e nel 2017.