Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sanremo 2022, Amadeus: "Se prendo il Covid? Il piano B non c'è". Il sindaco Biancheri: "Vaccino e green pass alleati importanti"

  • a
  • a
  • a

E se Amadeus durante il Festival di Sanremo si dovesse infettare con il Covid? Un piano B non esiste. Lo ha detto lo stesso conduttore del Festival della canzone italiana, ovviamente scherzando, durante la tradizionale conferenza stampa della vigilia. "Se prendo il Covid state tutti qua con me dieci giorni finché non guarisco". Durante la kermesse canora, il presentatore sarà protetto da un cordone di sicurezza approntato dalla Rai che sottoporrà lavori e giornalisti a controlli continui e tamponi ogni 48 ore. "La pandemia - ha dichiarato il direttore di Rai 1, Stefano Coletta - ha accompagnato la creatività di tutti noi, non eravamo abituati a pensare all'intrattenimento con delle regole così serie. Nel mese di dicembre e nei giorni vicini al Festival la preoccupazione aumentava, mentre avevamo avuto un inizio di autunno più rilassato. La Rai con grande lungimiranza ha cercato di fare il massimo. Certo non è facile, c'è un moto psicologico che avvolge tutti noi. Ma davvero la Rai ha fatto il massimo".

Impossibile lasciare fuori i non vaccinati. Per chi non ha più di 50 anni non c'è obbligo e la Rai "segue tutte le norme. Per le selezioni del programma, non può essere dirimente il fatto di essere no vax o non vaccinati. Poi questi sono dati sensibili che la Rai non può chiedere. L'essere non vaccinati non può essere motivo di esclusione. Seguiamo i protocolli alla lettera, così come per l'Ariston che ha la capienza al 100% perché è un teatro". Il vicedirettore, Claudio Fasulo, ha sottolineato che "quest'anno è stata un'avventura, un motivo di grande soddisfazione, abbiamo raccolto le forze e giocato di squadra. Devo ringraziare tutta la squadra, potete immaginare cosa sia stare a Sanremo tra tamponi, tracciamenti, rischi Covid, stanno facendo tutti un grande lavoro".

Amadeus ha ribadito che per gli artisti in caso di positività Covid vige "il lodo Irama, tutti gli artisti sono consapevoli che le prove vengono filmate e che in caso di impossibilità a esibirsi sarà utilizzata la registrazione". Il riferimento è a quanto accaduto lo scorso anno a Irama, che a causa di una positività nel suo staff non si era potuto esibire dal vivo. E la città di Sanremo? Si respira un clima di ottimismo. Il sindaco, Alberto Biancheri, evidenzia il grande lavoro di Amadeus: "Gli ultimi tre Festival sono stati molto complessi. Fare il direttore artistico già nella normalità è molto difficile e in un contesto come quello attuale è ancora più complicato. Siamo arrivati al Festival della ripartenza e della gioia e abbiamo due alleati importanti come vaccini e green pass".