Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gianluca Cofone, chi è: dalle odiose battute sulla sua altezza, al successo nel mondo del cinema

  • a
  • a
  • a

Gianluca Cofone sarà tra gli ospiti della puntata di oggi, mercoledì 26 gennaio, di Oggi è un altro giorno, il talk condotto da Serena Bortone. Cofone è un attore molto noto che ha lavorato in diverse pellicole nel ruolo di nano, considerata la sua altezza. Non è stato semplice per lui vincere i pregiudizi e affermarsi in un mondo molto particolare come quello del cinema. Ma diventare un attore di successo è un sogno che ha sempre inseguito con grande caparbietà e che alla fine è diventato realtà. Nelle ultime feste natalizie è stato protagonista di Chi ha incastrato Babbo Natale, il film diretto da Alessandro Siani, affermandosi definitivamente.

In una intervista a La Stampa ha spiegato che aveva “già debuttato sul grande schermo, ma mai prima d’ora avevo ricoperto un ruolo tanto importante, al fianco di attori di tale calibro. Ho interpretato l’elfo coreografo incaricato di insegnare a ballare a Christian De Sica, che nel film è Babbo Natale. È stato un onore poter lavorare al suo fianco. È di una simpatia travolgente, tanto che ho faticato non poco a rimanere serio sul set”. Cofone ha sofferto moltissimo nella prima parte della pandemia da Covid, sia dal punto di vista professionale che umano.

"Mai - racconta - avrei pensato di poter ricevere la chiamata di Siani. Disse di volermi affidare a tutti i costi un ruolo importante nel film e ha tenuto fede alla promessa anche dopo aver scoperto che avevo contratto il Covid a ridosso dell’avvio delle riprese. Ha aspettato 24 giorni perché mi negativizzassi“. Cofone da bambino sognava di fare il calciatore, sogno che ha dovuto abbandonare a causa della sua altezza. Durante l'adolescenza ha sofferto molto "per le battute sul mio aspetto, ma grazie al sostegno di famiglia e amici non mi sono mai sentito diverso e i miei video hanno riscosso sin da subito un grande successo. In quel momento ho capito che questa sarebbe diventata la mia strada leggendo i commenti affettuosi di quanti condividono il mio problema”.