Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvia Mezzanotte e Carlo Marrale, la storia degli ex Matia Bazar. Intervista di Serena Bortone

  • a
  • a
  • a

Silvia Mezzanotte e Carlo Marrale, saranno ospiti oggi, venerdì 7 gennaio, di Oggi è un altro giorno, il programma di Rai 1 condotto da Serena Bortone e in onda subito dopo il telegiornale della prima rete della televisione di Stato. Il sodalizio artistico è legato alla storia dei Matia Bazar. Marrale è stato il fondatore e autore di alcuni tra i più grandi successi del gruppo, mentre Mezzanotte la voce in due diversi fasi della storia della band. Quando c'era lei il gruppo vinse il festival di Sanremo. La nostra storia è stato il titolo del tour estivo, concerti in cui i due artisti hanno messo in mostra un feeling straordinario e raccolto applausi su applausi, in particolare grazie alla voce della stessa Mezzanotte. Il concerto del resto è una autentica carrellata di successi, ovviamente in passato portati sul palco dai Matia Bazar. Purtroppo i loro spettacoli previsti per questo inverno, devono fare i conti con il Covid.

“A noi ci ha messi assieme una scintilla divina - ha dichiarato a lopinionista.it Silvia Mezzanotte - non c’è un’altra spiegazione. Ci ha fatto pensare che valesse la pena raccontare La nostra storia in maniera molto gioiosa e serena. È una caratteristica che ci scambiamo in continuazione: noi ci divertiamo tantissimo sia sul palco che dovunque ci troviamo in qualsiasi momento della giornata". L'utilizzo del marchio Matia Bazar, però, ha sollevato più di una polemica e la vicenda è finita nelle aule del tribunale di Milano

Silvia Mezzanotte e Carlo Marrale sono stati condannati, Lo ha annunciato il tastierista Fabio Perversi, licenziatario del marchio Matia Bazar. Inizialmente, infatti, il tour si chiamava La nostra storia nei Matia Bazar, così si leggeva nelle locandine dello spettacolo. Il marchio appartiene alla famiglia di Giancarlo Golzi, mentre Perversi ne è licenziatario esclusivo. Dopo la pronuncia dei giudici il musicista ha duramente criticato gli ex colleghi che però non hanno mai voluto replicare.