Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alessandro Borghi, al cinema in Supereroi: il successo di Suburra e la fidanzata Irene Forti

  • a
  • a
  • a

Alessandro Borghi è uno degli attori italiani sulla cresta dell'onda. Il grande salto lo ha fatto interpretando Aureliano prima nel film e poi nella serie Suburra. Un personaggio che lo ha lanciato in carriera mentre nei prossimi giorni sarà di nuovo al cinema, dal 23 dicembre, con Supereroi  il nuovo film di Paolo Genovese.

 

 

Borghi recentemente è uscito allo scoperto presentando al red carpet di Venezia la sua fidanzata, Irene Forti. Un colpo di scena, visto che l’attore è solitamente sempre riservato e molto restio a condividere i dettagli della sua vita privata. Il red carpet del film È stata la mano di Dio di Sorrentino a Venezia è stata dunque  la prima uscita di coppia insieme. Modella, si è laureata in Economia Aziendale alla Luiss, specializzandosi in Gestione delle Risorse Umane e Amministrazione del Personale e ha intrapreso così la carriera da manager, facendo la spola tra Roma e Londra. Ben poco si sa della vita di coppia dei due, ma la loro relazione viaggia a gonfie vele, infatti secondo le indiscrezioni i due già convivono e sono stati spesso paparazzati insieme. In attesa di riuscire a conoscere qualche dettaglio in più sulla modella che ha conquistato l’attore di Suburra, la cosa sicura è che il cuore di Borghi appartiene a Irene Forti.

 

 

Tornando a Borghi, non solo Suburra. Tra le sue interpretazioni più importanti sicuramente - nel 2018 - quella di Stefano Cucchi in Sulla mia pelle di Alessio Cremonini (anch'esso una produzione Netflix) con cui vince il David di Donatello come miglior attore protagonista. Nell'occasione ha dichiarato come il premio da lui ricevuto "sia di Stefano Cucchi". In seguito è stato protagonista del kolossal italiano prodotto da Rai Cinema, Il primo re, diretto da Matteo Rovere ed interpretato assieme ad Alessio Lapice, versione rivisitata del mito di Romolo e Remo, distribuito nel circuito cinematografico dal 31 gennaio 2019.