Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stefano Buttafuoco, chi è il giornalista Rai: la carriera, la famiglia, la malattia del figlio e il libro

  • a
  • a
  • a

Stefano Buttafuoco, giornalista Rai, ospite di Oggi è un altro giorno nella puntata di lunedì 22 novembre 2021. Nella trasmissione del pomeriggio di Rai1 condotta da Serena Bortone, parlerà del libro appena pubblicato dal titolo Il bambino 23: la storia e i sogni di Brando, romanzo d'esordio di Buttafuoco. Una autobiografia spietata in cui l'autore, partendo dalla malattia del figlio affetto da una sindrome genetica rara, parla di una famiglia che prova con forza e orgoglio a ritrovare il suo equilibrio, del suo rapporto con la fede e delle sue due grandi passioni che gli hanno dato la forza di andare avanti: l'amore per il suo lavoro da inviato e il pugilato, lo sport che più di altri incarna i valori della resilienza e dello spirito di sacrificio.

 

 

Ma chi è Stefano Buttafuoco? Giornalista professionista della Rai, laureato in Economia e Commercio alla Luiss con master presso la John Cabot University, ha iniziato la sua carriera come corrispondente dell’emittente americana Espn. Appassionato di sport, in particolare di calcio e boxe, ha collaborato con numerose testate giornalistiche tra cui Eurosport, Boxering e Il Messaggero. Da diversi anni lavora a Rai1 come inviato (a La Vita in Diretta) e come autore di format televisivi. Sposato con Alessia, ha due figli, Alessandro e Brando. 

 

 

Un'autobiografia spietata quella di Buttafuoco. Sin dalla descrizione di come lui e la moglie si accorgono della malattia del piccolo Brando, quando aveva sei mesi. Poi la diagnosi è impietosa, per non dire tremenda, si tratta di una particolare variante della Sindrome di West, riconducibile a una rarissima mutazione genetica. Questa è la spiegazione scientifica, la rarità è talmente ristretta che si riduce in tutto il mondo a soli 23 bambini. La notizia brutta è proprio questa, sono pochi e nel business crudele degli interessi non si possono “buttare i soldi” per solo 23 bambini, è la regola crudele dell’economia e degli interessi. Questo è lo spunto e l’antefatto da cui nasce il libro che Stefano ha voluto far pubblicare.