Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, Atlantide: su La7 Andrea Purgatori e La gabbia Russa

  • a
  • a
  • a

La gabbia russa. E' il titolo della puntata di Atlantide in programma stasera, domenica 21 novembre, sulle frequenze di La7. A partire dalle ore 21.15, nuovo appuntamento con il programma di approfondimento condotto da Andrea Purgatori che cercherà di fare luce sul triste destino dei dissidenti in Russia. La violenta repressione ha una lunga e complessa storia ed affonda le radici addirittura nei tempi dell'Impero, per poi continuare a crescere nell'Unione Sovietica e non smettere nemmeno nella Russia di Putin. Nel corso della puntata, Andrea Purgatori, analizzerà i destini paralleli di alcuni dei dissidenti simbolo della Russia negli ultimi cinquant'anni. Da Aleksandr Solženicyn ad Andrej Sacharov e ad Aleksej Navalny, Purgatori racconterà le storie delle vittime della cieca repressione. 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Andrea Purgatori (@andrea_purgatori)

 

 

Una puntata che come tutte le altre si annuncia particolarmente interessante. Come sempre l'obiettivo è cercare di mettere in evidenza vicende, storie e misteri che troppo spesso vengono volutamente dimenticati da chi racconta le sorti del mondo o del nostro Paese, fatti spesso volutamente archiviati. Come sempre accade, nello spot e sui social è stato lo stesso Purgatori ad annunciare il tema della puntata di oggi, domenica 21 novembre. "Dissidenti di ieri e di oggi - spiega il giornalista durante il breve ma incisivo spot - Da Aleksandr Solženicyn ad Aleksej Navalny, tra arresti, condanne, gulag e avvelenamenti. La storia e la cronaca come le raccontiamo noi". "Storie drammatiche e drammaticamente romantiche - scrive ancora Purgatori nel post che su Instagram accompagna il video dello spot - Storie di oppositori avvelenati, come Aleksei Navalny". 

Nella puntata precedente, domenica 14 novembre, nel corso di Atlantide è andata in onda una intervista che nei giorni successivi ha fatto molto scalpore. Andrea Purgatori ha posto domande scomode, ottenendo risposte incisive che mettono in discussione tutto il sistema Italia, al procuratore Nino Di Matteo. Magistrati, politica, affari, correnti, cordate, giustizia e collusioni di cui il nostro Paese non riesce a liberarsi.