Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Un Giorno in Pretura, stanotte in tv 20 novembre su Rai3 il caso Sonia Marra

  • a
  • a
  • a

Stanotte torna l'appuntamento con Un Giorno in Pretura, su Rai3. Oggi sabato 20 novembre 2021, poco dopo mezzanotte, la storica trasmissione Rai, una tra le più longeve, che ha in Roberta Petrelluzzi la guida. si occuperà del caso Sonia Marra.

 

 

Le tracce della studentessa fuorisede, si perdono molti anni fa a Perugia. La giovane non poteva avere nemici, e la sua scomparsa misteriosa mobilita una famiglia disperata ma tenace nel voler scoprire la verità. Dalle indagini emerge la relazione di Sonia con un ragazzo più grande, la ragazza era preoccupata di essere rimasta incinta. La corte d’assise dovrà capire se nel rapporto con l’imputato si può trovare la chiave di una sparizione enigmatica.

 

 

Una brutta mattina del novembre 2006 Anna partì per Perugia. Era scomparsa la sorella, la piccola di casa, l’amata, semplice, timida Sonia. "Sentivo che l’avevano uccisa, perché lei non si sarebbe mai allontanata senza dire nulla, non era proprio il tipo". All’epoca Anna lavorava per un’agenzia investigativa e così iniziò subito a indagare sulla misteriosa sparizione. "Ho girato molto, ho bussato mille porte, ho sentito centinaia di persone, sono stata intere notti sotto il suo appartamento sperando di trovare qualcosa". Cercava un appiglio, una pista da seguire. Niente da fare. Sono passati quindici anni, di Sonia non si è saputo più nulla e Anna, ferma e tenace, è ancora lì, a Perugia: "Sì, non sono più tornata. Ho cambiato vita, amici, lavoro (oggi è operatrice socio sanitaria, ndr). Ma nei pensieri ho sempre mia sorella: voglio trovare almeno il corpo e voglio portarla a casa. Poi vedrò cosa fare di me". La storia struggente di un amore infinito. Quando scomparve, Sonia Marra aveva 25 anni, sei meno di Anna, ed era l’ultima di quattro fratelli. Salentina di Specchia, si era trasferita a Perugia per studiare Medicina. Il 16 novembre del 2006, come ogni giorno, telefonò a mamma Lucia in Puglia e tutto sembrava normale. La sera stessa la madre la richiamò al cellulare ma lo trovò stranamente spento. Da quel momento, della studentessa universitaria che tutti raccontano riservata e rispettosa, si sono perse le tracce.