Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lilli Gruber attacca Mario Giordano per la voce: "Non è un mio collega". Le critiche di Meloni. Dalla Chiesa: "Vergogna" | Video

  • a
  • a
  • a

Lilli Gruber, giornalista e conduttrice di La 7, prende in giro Mario Giordano, collega che lavora per il Gruppo Mediaset. E' stato proprio Giordano a parlarne nel corso del suo programma, Fuori dal Coro, in onda su Rete 4. Gruber lo ha sfottuto a causa della sua voce e l'ha fatto durante un evento pubblico. Giordano ha mandato in onda le immagini. "Ritenete Mario Giordano un vostro collega?", chiedono a Lilli Gruber. E lei: "Se faccio un verso, sai chi è questo Giordano". E subito l'imitazione della voce stridula del giornalista. Poi la risposta alla domanda: "No, per me Mario Giordano non è un collega". 

Lilli Gruber ha immediatamente collezionato critiche per le sue dichiarazioni pubbliche contro Giordano. Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha twittato il video e attaccato duramente la conduttrice di Otto e mezzo. Una presa di posizione molto pesante: "Lilli Gruber - scrive Meloni - durante un incontro pubblico, sbeffeggia con tanto di verso Mario Giordano. Una scena imbarazzante e triste. E questa sarebbe professionalità? Solidarietà a Giordano, un giornalista fuori dal coro. Sicura che atteggiamenti infantili come questo non lo scoraggeranno".

 

Ovviamente lo stesso Mario Giordano ha reagito e non ci è andato molto leggero: "Ebbene sì cara Lilli Gruber, ho una brutta voce. Che ci vogliamo fare? È un mio difetto fisico: ti chiedo scusa, vi chiedo scusa. Ho una brutta voce, ho un difetto fisico! Ma che la regina del politicamente corretto prenda in giro, attacchi una persona sui suoi difetti fisici, beh, a che livello sei caduta cara Lilli".

Dura anche Rita Dalla Chiesa: "Quello che ha detto Lilli Gruber contro Mario Giordano, preso vergognosamente in giro per la sua voce, dovrebbe portare a qualche riflessione sul politicamente corretto che vale solo a senso unico. E non oso pensare se fosse successa la stessa cosa al contrario".