Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giampiero Galeazzi, con la moglie Laura i figli Susanna e Gianluca entrambi giornalisti

  • a
  • a
  • a

Giampiero Galeazzi è stata una leggenda del giornalismo italiano e non solo. Celebri le sue telecronache, dal tennis al canottaggio, in particolare i trionfi dei fratelli Abbagnale. Nato a Roma, sotto il segno del Toro, il 18 maggio 1946, è morto quindi a 75 anni. Nella sua carriera ha fatto di tutto: dal conduttore al telecronista, sull’onda della grande passione per il mondo del giornalismo.

 

 

Oltre ad essere un giornalista di spessore, è stato anche un canottiere. Per via della sua mole è stato soprannominato Bisteccone, appellativo che non lo ha mai turbato o irritato ma su cui ha cucito la sua fama di uomo capace di grande autoironia. Fu assunto in Rai solo dopo aver chiuso la sua carriera sportiva, che lo ha portato a a sfiorare pure la partecipazione alle Olimpiadi del 1968 a Città del Messico. Per quanto riguarda la vita privata, ha sposato la moglie Laura, la donna che lo ha reso padre di due figli: Gianluca e Susanna. Susanna, è diventata un’importante giornalista e volto noto al Tg5 e a SkyTg24. Ma anche Gianluca ha ereditato la passione del giornalismo e si è ritagliato il suo posto nella redazione di La7.

 

 

Tra le curiosità sul suo conto, il giornalista si è laureato in Economia e ha conseguito la specializzazione in Statistica. Il soprannome del giornalista, Bisteccone, non è stato coniato da Mara Venier. Lo ha spiegato lui stesso in una vecchia intervista a Repubblica: “Quando da ragazzo giravo per le redazioni c’era sempre quello che chiedeva: ‘Ahò, è chi è ‘sto bisteccone?' I settentrionali pensano che sia dispregiativo. Noi romani no", le sue parole. Era tifoso della Lazio, anche se ha sempre dimostrato professionalità ai tempi delle sue scorribande su tutti i campi della Serie A, dove faceva l'inviato con il suo inconfondibile stile, diventando una icona sin dagli anni Ottanta.