Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvatore Cascio, l'attore bambino che combatte contro la malattia della retina: "Ci vedo pochissimo"

  • a
  • a
  • a

Salvatore Cascio sarà tra i protagonisti del concerto tributo a Ennio Morricone in onda stasera su Rai1. L'attore, nato a Palazzo Adriano in provincia di Palermo, è diventato famoso come personaggio televisivo partecipando da bambino al Maurizio Costanzo Show, programma ideato e condotto da Maurizio Costanzo su Canale5. Con la partecipazione nel ruolo di Salvatore giovane a Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore conosce il successo internazionale e la conquista del British Academy of Film and Television Arts nella categoria attore non protagonista (il più giovane a riceverlo).

 

 

Nei primi anni novanta partecipa ad alcuni film nel ruolo di coprotagonista, incide un 45 giri in coppia con Fabrizio Frizzi dal titolo L'orso, abbandonando infine le scene dopo l'ultima interpretazione in Jackpot del 1992. Nel 1999 riappare sugli schermi ne Il morso del serpente, regia di Luigi Parisi. Nel 2014 è tra gli interpreti del film documentario Protagonisti per sempre di Mimmo Verdesca, film vincitore nel 2015 del Giffoni Film Festival come miglior documentario, in cui, per la prima volta, dopo anni di lontananza dalle scene, racconta le esperienze e le scelte che hanno caratterizzato la sua carriera e la sua vita di attore bambino tra i più popolari.

 

 

Oggi Salvatore soffre di retinite pigmentosa, una grave malattia della retina che comporta la perdita quasi totale della vista. È proprio per questo che ha dovuto dire addio al cinema, o comunque limitare di molto il numero delle sue uscite pubbliche: “Ci vedo pochissimo”, ha spiegato Cascio in un’intervista rilasciata a febbraio a La Stampa. “È la prima volta che lo racconto pubblicamente”, ha precisato. “Mi ero chiuso in me stesso. Pazzesco. Grazie a Dio ci sono delle speranze nelle conquiste future della medicina. Spero sempre nella scienza, bisogna credere nella scienza. Grazie a Dio ho tanta fede. Ma ho vissuto anni difficili”.