Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pierfrancesco Favino, ecco come conobbe la compagna Anna Ferzetti: con lei le figlie Greta e Lea

  • a
  • a
  • a

Pierfrancesco Favino è un talentuosissimo attore italiano estremamente celebre anche all'estero grazie alle sue interpretazioni da urlo (su tutte quelle di Tommaso Buscetta e Bettino Craxi, rispettivamente in Il traditore e Hammamet) che hanno fatto il giro del mondo. Nato a Roma il 24 agosto 1969 sotto il segno della Vergine, da padre e madre di origini pugliesi, ben presto ha deciso di intraprendere la carriera d’attore e ha frequentato l’Accademia Nazionale Di Arte Drammatica Silvio D’Amico. Una scelta che lo ha premiato: nel corso della carriera ha vinto tre David di Donatello, quattro Nastri d'argento, due Globi d'oro, tre Ciak d'oro e una Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia. 

 

 

A livello di vita privata, forse non tutti sanno che Pierfrancesco è legato dal 2003 all’attrice Anna Ferzetti. I due si sono conosciuti ad una festa di amici comuni dove hanno ballato insieme per la prima volta. E pensare che secondo la versione di lei, lui durante il ballo le avrebbe pestato un piede. Avendo molti anni di differenza (Pierfrancesco è più grande di 13 anni) per molto tempo hanno vissuto in due appartamenti separati, sebbene nello stesso condominio. Insieme hanno avuto due figlie: Greta e Lea, ma non solo mai convolati a nozze.  

 

Una piccola curiosità su Favino: è soprannominato da tutti Picchio. "Picchio nasce da mio papà - ha raccontato in una vecchia intervista -, il motivo è che non stavo mai fermo e diciamo che buona parte di quell’energia, sonno permettendo, sta rimanendo. Ha sempre amato dare soprannomi alle cose animate e inanimate e una di quelle animate sono io". Una domanda alla quale aveva già risposto nel 2012, quando il settimanale Grazia gli aveva chiesto come mai i suoi amici più intimi lo chiamassero Picchio. Favino, ridendo, aveva così commentato: "Picchio mi è più familiare di Pierfrancesco. Avrei voluto mantenerlo nel lavoro, ma immaginate un cartellone: Amleto, con Picchio Favino. No, non ci sta proprio", ha affermato ironicamente.