Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'aria che tira, furiosa lite. David Parenzo a Paolo Brosio: "Ti sei fatto di alcol e droga e ora rompi sul vaccino?". La replica: "Sei un ignorante, mi fai pena"

  • a
  • a
  • a

Pesantissima lite tra Paolo Brosio e David Parenzo durante L'aria che tira, il talk condotto da Myrta Merlino che va in onda tutti i giorni su La7. Brosio difende la sua posizione no vax, tirando in ballo farmaci e teorie, e Parenzo l'attacca frontalmente. "Tu stai mettendo dubbi su cose sulle quali la medicina ufficiale ci ha già dato delle risposte, quando nella tua vita ti sei fatto di alcool e droghe". Parenzo legge una intervista rilasciata in passato proprio da Brosio al Il Mattino: "Hai detto: tra alcol e droga in un'orgia una voce mi ha salvato. E ora rompi le ba**e con il vaccino?. Io ho grande rispetto per le vicende personali, ma tu ti sei fatto qualunque cosa e ora vieni a parlare del vaccino? E' una cosa incredibile". 

Durissima la reazione di Brosio: "Sei una persona disdicevole e vergognosa. Mi fai pena. Sei veramente vergognoso. Vieni a dirmele in faccia queste cose. Sei un ignorante. Stai parlando delle mie debolezze quando mi sono convertito alla fede. E' stato un periodo circoscritto della mia vita e tu mi vieni a rinfacciare queste cose mentre affrontiamo certi argomenti? (il vaccino anti Covid, ndr). Ti posso dire una cosa Parenzo? Mi fai vomitare". Mentre Myrta Merlino è in imbarazzo, Parenzo rincara la dose: "Te l'ho detto semplicemente perché stai qui a discutere sulla validità del vaccino. Ho rispetto per la tua storia, ho rispetto per la tua vita ma hai ingurgitato qualsiasi cosa".

Brosio, in collegamento, continua ad urlare: "Sei una persona disdicevole e non hai un minimo di raziocinio nella tua testa. Mi fai pena, sei un poveretto".  Finalmente interviene la conduttrice: "La discussione non è questa. Non stiamo parlando della tua vita privata, dei tuoi problemi passati e di nulla che riguarda la tua persona. Stiamo discutendo di opinioni su una pandemia che è in corso, su un vaccino che la maggior parte di noi si è fatto e continuerà a farsi con la terza dose". Ma i due continuano a dirsene di tutti i colori.