Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I Gemelli di Guidonia, l'importanza della fede e il riserbo sulla vita privata

  • a
  • a
  • a

Ultimamente se ne sta parlando molto, forse in virtù delle recenti e fortunate apparizioni televisive fra cui quella a Tale e quale show, anche se è da tempo che sono stabilmente una presenza gradita nella televisione italiana. Stiamo parlando dei Gemelli di Guidonia, il trio di fratelli - non gemelli! - composto da Pacifico, Gino ed Eduardo Acciarino, di 37, 34 e 33 anni (è stato Fiorello a battezzarli con il loro attuale nome d'arte). Una passione per la musica che nasce da lontano: nel 1999 i tre vincono il “Tiburfestival” e nell’anno successivo si esibiscono in due occasioni in Piazza San Pietro di fronte a Papa Giovanni Paolo II e iniziano una lunga collaborazione con la Rai. Da lì spicca il volo una variegata carriera con molti passaggi in radio e in televisione, come a Made in Sud, dove uniscono una comicità garbata e un grande talento canoro

 

In un'intervista, i tre hanno dichiarato di voler mantenere uno stile "educato e leggero, che viene dalla nostra formazione ed è il nostro marchio di fabbrica. Siamo credenti e certi valori li portiamo anche nella nostra comicità. Di questo ringraziamo i nostri genitori che fanno parte del movimento Cursillos di Cristianità, papà è coordinatore diocesano di Tivoli. Noi, figli di un generale dell'Areonautica, abbiamo iniziato cantando nel coro della chiesa dell'areoporto di Fiumicino e nelle feste missionarie in parrocchia sino ad arrivare al grande onore di cantare per Giovanni Paolo II". 

 

Quello che invece si sa poco su di loro è tutto ciò che riguarda la vita privata: i tre fratelli sono estremamente riservati a riguardo ed è davvero difficile estrapolare qualcosa dalle loro uscite, reali o social che siano. E' un autentico "mistero", se così vogliamo chiamarlo, quello che avvolge le relazioni sentimentali dei Gemelli di Guidonia e non è noto nemmeno se abbiano dei figli. Chi sa che prima o poi, ospiti di una trasmissione, i tre non si sbottonino.