Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rita Pavone, il mistero dei Pink Floyd e la morte sfiorata per un pelo

  • a
  • a
  • a

Una figura poliedrica e molto nota Rita Ori Filomena, ai più nota come Rita Pavone, nata a Torino il 23 agosto del 1945 e dunque 76enne del segno zodiacale della Vergine. Rita è una nota cantante, attrice e showgirl italiana naturalizzata svizzera, nei tempi addietro soprannominata simpaticamente Pel di carota per via del colore rosso della sua capigliatura. Dotata di una voce da soprano, ha pubblicato i suoi dischi in tutto il mondo, incidendo in sette lingue diverse, ed è una delle otto cantanti pop italiane a essere entrate in classifica nel Regno Unito. In totale, ha venduto circa 50 milioni di dischi. Una cifra stratosferica. 

 

 

C'è un simpatico aneddoto legato alla carriera musicale di Rita. Come riportano vari siti web e riviste, infatti, una leggenda metropolitana vorrebbe che nel brano San Tropez, del disco Meddle dei Pink Floyd, la Pavone sia stata citata in un verso che recita "I hear your soft voice calling to me, Making a date for Rita Pavone". Più volte intervistata, Rita ha spiegato che nell'estate del 1973, in Costa Azzurra, le fu detto che nel parterre c'erano alcuni membri dei Pink Floyd. Tuttavia, Meddle è stato pubblicato due anni prima dell'incontro riportato da Rita Pavone e il verso citato recita in realtà "later by phone" (come riportato nelle pubblicazioni ufficiali) e non "Rita Pavone". L'errore forse deriva da alcune pubblicazioni italiane degli anni settanta e sostenute dal racconto di Rita sull'evento in Costa Azzurra. 

 

Di Recente, Rita ha raccontato un'esperienza drammatica riguardante il suo stato di salute. Sembra proprio che abbia sfiorato la morte per un pelo. Come ha riferito a DomenicaIn, infatti, "avevo piccole fitte al petto, a cui però non ho dato nessuna importanza, cantavo e ballavo come sempre, fino a che non sono caduta a terra. L’aorta era quasi completamente otturata, mi hanno riportato al mondo per miracolo. Sono stata un passo dalla morte, se oggi sono qui lo devo al destino, che mi è stato amico“.