Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvia Salis, la rivoluzione rosa al Coni e l'amore per Fausto Brizzi

  • a
  • a
  • a

E' una celebrità e un personaggio estremamente poliedrico Silvia Salis, nata a Genova il 17 settembre 1985 e dunque del segno zodiacale della Vergine. Silvia è un'ex martellista italiana pluripremiata, vincitrice di ben dieci titoli italiani tra invernali (6) ed assoluti (4). Dopo la carriera da atleta, per lei inizia una fase della vita più "politica" e impegnata: il 6 novembre 2016 è infatti eletta nel Consiglio Federale della Fidal e un anno dopo nel Consiglio Nazionale del CONI, il Comitato Olimpico Italiano. Nel 2021 è stata addirittura eletta vicepresidente vicario del CONI.

 

 

A livello di vita privata, Silvia è seriamente impegnata con il regista romano Fausto Brizzi. In un'intervista al Secolo XIX, la sportiva ha raccontato com'è stata la proposta di matrimonio di lui: "Fausto mi ha fatto la proposta su una mongolfiera all'alba a Marrakesh, eravamo a mille metri di altezza e mentre facevamo colazione in questa immensa cesta di vimini mi ha chiesto di sposarlo. Stavamo insieme da pochi mesi". Fra i due corrono 17 anni di età ma non sembra affatto essere un problema per il loro amore. Lui peraltro proveniva da una storia di quattro anni con l'attrice Claudia Zanella. Silvia e Fausto sono convolati a nozze durante la pandemia e una simpatica foto li mostra in abito da sposi con la mascherina. 

 

 

Nel suo ruolo di estrema rilevanza al Coni, Silvia - che ha sempre lottato per far capire che anche le femmine possono eccellere in sport maschili - è molto impegnata nella promozione dello sport per le donne. In un'intervista concessa poco prima delle Olimpiadi a VanityFair, ha detto che bisogna "emanciparsi dagli stereotipi degli sport “da maschio” e “da femmina”. Lo so sulla mia pelle, io che ho scelto il lancio del martello: mi dicevano: “Diventerai brutta”. Sui social ci sono tante madri che pubblicano foto di figlie vestite da principessa: va benissimo amare le principesse ma esaltare sempre e solo questi aspetti è limitante, ad alcune piace anche prendere a calci un saccone".