Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Serena Grandi, icona degli anni Ottanta: "Mio marito mi faceva le corna, ma sbagliai a lasciarlo

  • a
  • a
  • a

Serena Grandi, icona del cinema sexy anni ’80 e ’90, è l’ospite d’onore di Citofonare Rai2, oggi domenica 24 ottobre su Rai2, il programma condotto da Paola Perego e Simona Ventura. Insieme hanno ripercorso successi e momenti speciali legati alla sua vita, attraverso un’intervista a cuore aperto.

 

 

All'anagrafe Serena Faggioli, è nata a Bologna e ha appena compiuto 63 anni. Il momento di massima popolarità lo ha avuto grazie alla partecipazione ad alcune delle più famose pellicole del cinema erotico italiano, in cui aveva modo di mostrare le proprie forme da pin up. L’incontro con il regista Tinto Brass che la sceglie come protagonista del film erotico Miranda è uno snodo cruciale. Nel 1987 ha lavorato con Dino Risi in Teresa, recitando accanto a Luca Barbareschi. Poi con Sergio Corbucci in Roba da ricchi e Rimini Rimini, in cui fu affiancata da Paolo Villaggio. In tv è nelle miniserie Donna d’onore nel 1990, grazie alla quale vinse un Telegatto. Poi Piazza di Spagna nel 1992, Il prezzo della vita nel 1995, Pazza famiglia, Anni ’50, Ladri si nasce e Le ragazze di piazza di Spagna nel 1998. Nel 1998 lavora di nuovo con Tinto Brass in Monella. Nello stesso anno è diretta anche da Luciano Ligabue in Radiofreccia, in cui interpreta la madre di Stefano Accorsi. Ha fatto del cast di La Grande Bellezza, pellicola che poi ha vinto uno storico Oscar.

 


Sposata dal 1987 al 1993 con l’arredatore e antiquario Beppe Ercole, passato poi a nuove nozze con Corinne Clery dopo il divorzio, recentemente ha detto: "Mi faceva le corna ma ho sbagliato a lasciarlo". La coppia ha avuto un figlio, Edoardo Ercole, nato nel 1989. Nel 2017 è stata concorrente alla seconda edizione del reality show di Canale 5 Grande Fratello Vip. Nel settembre 2020, è stata condannata in primo grado a due anni e due mesi di reclusione per il fallimento del ristorante di Borgo San Giuliano da lei gestito.