Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mario De Lillo, un figlio con la moglie Luana: un passato anche da parrucchiere e magazziniere

  • a
  • a
  • a

Mario De Lillo si può definire un ex attore ora influencer, anche se probabilmente non ama una descrizione simile. Il 36enne romano originario di Ostia, che adesso vive nel quartiere La Rustica di Roma con sua moglie Luana e il loro bimbo di un anno, ha però ormai conquistato il popolo dei social con 400mila followers su Instagram e 500mila su TikTok. I suoi post sono diventati un marchio di fabbrica: viso in primo piano e quasi sempre le pareti di casa a fare da sfondo.

 

 

Ma soprattutto dei motti gridati nell’obiettivo del suo cellulare: “Arte povera!” e “Nun molla'”. Per quanto riguarda le sue esperienze passate, ha svolto diversi lavori, dall'operaio in una ditta di traslochi al parrucchiere e l’attore. A 20 anni, con lo stipendio di magazziniere, Mario ha infatti deciso di iniziare l’accademia teatrale con i primi provini e i primi ruoli cinematografici. Ma col tempo ha capito che “quel mondo non faceva per me, e io non facevo per quel mondo”, ha spiegato in una recente intervista a Roma Today. Poi la svolta decisiva nella sua vita: "Ho scoperto il telefono, i social, e lì mi è cambiata la vita. A livello filosofico, intendo - le sue parole tempo fa -. E siccome sento di essere una persona che ha delle cose da comunicare, anche senza un copione, mi sono detto ‘Io la roba da raccontare ce l’ho. Ho tutto quello che mi succede nella vita’”.

 

 

E' nata così l’idea dei video da postare sui social. La nonna, spesso con Mario nei post, nel primo video registrato in cucina è stata protagonista mentre cercava invano di chiudersi la cerniera. Ci sono voluti però 4 anni da quel primo video per far diventare virale l’Arte povera di questo ragazzo di periferia. Talmente virale che persino in Serie A ha fatto breccia: Lorenzo De Silvestri del Bologna, dopo una doppietta, ha festeggiato sui social in stile Arte povera. Mario De Lillo ha fatto scuola e la sua storia sarà raccontata anche a Le Iene nella puntata di martedì 12 ottobre su Italia1.