Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jacobs, proposta di matrimonio: Nicole ha detto sì sulla pista d'atletica

  • a
  • a
  • a

Marcell Jacobs è pronto per convolare a nozze. Dopo l'oro nei 100 metri e quello nella 4x100 sempre ai Giochi Olimpici di Tokyo, un altra grande passo per l'atleta nato in Texas ma cresciuto a Desenzano sul Garda. Il due volte campione olimpico ha condiviso un video con la proposta di matrimonio alla sua Nicole Daza su Instagram: il campione, come nelle migliori tradizioni si è inginocchiato e con l'anello in mano ha pronunciato le fatidica domanda? "Mi vuoi sposare?".

 

 

Una proposta fatta sulla pista d'atletica di Manerba del Garda. Nella didascalia della foto pubblicata su Instagram lo sprinter azzurro scrive: "She said yes", "Ha detto di sì". Post ripreso anche dalla stessa Nicole, che sul social scherza: "Ho detto più velocemente 'sì' io che lui a fare 100 metri". Jacobs e Daza hanno due figli e vivono a Roma.

 

 

"Essere l’uomo più veloce del mondo è quello che ho sempre desiderato, essere riconosciuto con questo nome è un sogno che mi porto dentro sin da bambino. Nella mia mente c’era l’immagine di essere riconosciuto, fermato per strada, ed ora è reale». L’impresa di Tokyo è ancora vivida negli occhi e nella mente di Marcell Jacobs, intervistato per "Buoni o Cattivi", in onda domani in prima serata su Italia 1. Un doppio oro che parte da lontano. "Perchè ci sono riuscito? Non credo di avere nulla in più degli altri se non tanta determinazione. Ogni giorno cercavo di aggiungere un pezzetto di un puzzle per raggiungere questi risultati, un puzzle pieno di sogni che oggi è ancora a metà. La cosa che mi fa veramente piacere è il ’graziè quando mi fermano, mi rende ancora più orgoglioso. È una responsabilità che non mi pesa, portare la bandiera italiana in giro per il mondo mi gratifica tantissimo. Ho iniziato a rendermi conto di quello che era accaduto a Tokyo quando sono atterrato a Fiumicino: c’era la mia famiglia, la mia compagna con i miei bambini, e tante persone che erano lì solo per me. Aver fatto emozionare l’Italia per me è una favola" ha detto lo sprinter azzurro.