Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, giovedì 23 settembre 2021, c'è Dritto e Rovescio con Paolo Del Debbio: anticipazioni e ospiti

  • a
  • a
  • a

Sono tanti gli argomenti in primo piano di cui si stanno occupando i vari programmi e talk show di approfondimento sui temi di attualità, ufficialmente ritornati a pieno regime con l'avvento dell'autunno. Stasera in tv, in prima serata alle 21.25, giovedì 23 settembre 2021, è il turno del nuovo appuntamento con “Dritto e rovescio”, la trasmissione condotta dal giornalista Paolo Del Debbio. Andiamo a vedere insieme le anticipazioni e gli ospiti della puntata di oggi. Innanzitutto, si legge nel sito ufficiale, Del Debbio intervisterà il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, in merito alle imminenti elezioni amministrative, alle misure contro la pandemia e alle riforme che la maggioranza dovrà varare nei prossimi mesi.

 


Nel corso della serata, ampio spazio sarà dedicato a una riflessione sul rapporto tra diritto al lavoro e obbligo di green pass, sia nel settore pubblico che in quello privato. Se da un lato il Governo ha assicurato che nessun lavoratore perderà il suo impiego, dall’altra molti imprenditori si trovano in difficoltà a causa dei controlli, che ricadono su di loro, e delle assenze dei dipendenti che non intendono vaccinarsi o sottoporsi a tampone. A seguire, un approfondimento economico: dal caro bollette, che potrebbero subire un rialzo del 40%, alla riforma del catasto che comporterebbe un aumento significativo delle tasse sulla casa, fino alla partenza delle cartelle esattoriali

 


E ancora, un focus sulle manifestazioni dei no-vax e no-green pass, che cercano di legittimarsi rendendo proprie le teorie, spesso senza fondamento scientifico, di alcuni medici ed intellettuali. Infine, un’analisi della strategia comunicativa sui vaccini: è necessario l’obbligo o ci sono ancora strade da tentare per convincere gli indecisi a immunizzarsi? Tra gli altri ospiti della puntata anche: gli europarlamentari Elisabetta Gualmini (Pd) e Antonio Maria Rinaldi (Lega), la senatrice Daniela Santanchè (FdI) e Giuliano Granato (Potere al Popolo).