Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alessandro Gassman, l'amore per Sabrina e il figlio Leo. L'esordio con papà Vittorio e il sodalizio con Gianmarco Tognazzi

  • a
  • a
  • a

Torna in tv la fiction I bastardi di Pizzofalcone, la serie arrivata alla terza stagione in onda su Rai1 da lunedì 20 settembre. Protagonista l'ispettore Giuseppe Loiacono, interpretato da Alessandro Gassman che parlerà del suo personaggio oggi - 19 settembre - ospite di Domenica In. Le anticipazioni rivelano che la squadra di Lojacono viene messa sotto torchio e ha il divieto di indagare su quanto successo al ristorante di Letizia dopo l'esplosione. La situazione è tragica, il luogo dell'incidente è un inferno dove regna il vuoto e la disperazione. Ma ci sarà una svolta grazie a una soffiata.

 

 

Gassman, 56 anni, romano verace, è figlio degli attori Vittorio Gassman e Juliette Mayniel. Attore, ma anche regista e doppiatore, ha da poco presentato al Festival del cinema di Venezia anche il suo nuovo film Il silenzio grande (con Margherita Buy). Lunghissima la filmografia di Alessandro che ha debuttato a 17 anni nel film autobiografico Di padre in figlio, scritto, diretto e interpretato con il padre Vittorio, con il quale poi studiato recitazione presso la Bottega Teatrale di Firenze. Per diverso tempo si è impegnato in un sodalizio artistico con Gianmarco Tognazzi, inevitabilmente accostato a quello fra i rispettivi padri che li ha visti recitare assieme nei film Uomini senza donneFacciamo fiesta, Lovest, I miei più cari amiciTeste di coccoEx e Natale a Beverly Hills, nella versione teatrale di A qualcuno piace caldo e doppiare il cartone animato La strada per El Dorado.

 

 

Nel 1997 recita nel film Il bagno turco di Ferzan Özpetek, che riscuote un ottimo successo. La sua interpretazione gli vale molti riconoscimenti. Nel 2008 la sua partecipazione al film Caos calmo dove, per la parte del fratello del protagonista interpretato da Nanni Moretti, gli vale  il David di Donatello per il miglior attore non protagonista, il Ciak d'oro, il Nastro d'argento e il Globo d'oro della stampa estera. Dal 2010 al 2014 è stato il direttore del Teatro stabile del Veneto Carlo Goldoni. Testimonial di Amnesty International, si è dichiarato "non credente", dal 1998 è sposato con l'attrice Sabrina Knaflitz, dalla quale nello stesso anno ha avuto un figlio, Leo, cantautore quinto a X Factor nel 2018 e vincitore del Festival di Sanremo 2020 nella categoria "Nuove Proposte" con il brano Vai bene così.