Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maurizio Vandelli, dal soprannome Principe alla moglie Stella: dal matrimonio il figlio Andrea

  • a
  • a
  • a

Maurizio Vandelli è un cantante e chitarrista, famosissimo in Italia soprattutto negli anni Sessanta e Settanta. La sua canzone più celebre, scritta e cantata con L'Equipe 84, è 29 settembre, con l'incipit conosciuto da tutti "Seduto in quel caffè, io non pensavo a te".

 

 

Nato a Modena il 30 marzo 1945, sotto il segno zodiacale dell’Ariete, Maurizio Vandelli è cresciuto con la musica nel sangue. Ha mosso i suoi primi passi come cantante e chitarrista quando, ancora un giovanotto, si divertiva con i suoi amici a strimpellare lungo la riviera romagnola e marchigiana, approfittando dell’ospitalità di coloro che apprezzavano le loro esibizioni. Assieme a Victor Sogliani, Alfio Cantarella e Franco Ceccarelli, nel 1962 l’artista ha dato vita agli Equipe 84, una band che ha fatto la storia del beat in Italia e che con i suoi pezzi ha segnato una intera generazione.

 

 

Per quanto riguarda la vita privata, il cantante Vandelli è sposato con Stella, che è stata per lungo tempo anche la sua manager. La coppia ha avuto un figlio, Andrea, classe 1998 e vive in Brianza, a Brugherio. Tra le curiosità sul conto del cantante, per il concerto di Capodanno del 2000, Maurizio Vandelli si è esibito a Roma, assieme a tanti altri grandi artisti. La folla in delirio si è scatenata talmente tanto che ci furono numerosi feriti, tra cui proprio il cantante. Sul palco, l’uomo venne colpito da un mazzo di chiavi al sopracciglio, mentre stava intonando Imagine di John Lennon. Maurizio Vandelli segue poi con passione il calcio, e la sua squadra del cuore è l’Inter. Grazie alla sua innata eleganza sul palco, Vandelli si è aggiudicato il soprannome di Principe. Maurizio Vandelli è ospite venerdì 17 settembre di Oggi è un altro giorno, il talk show di Rai1 condotto da Serena Bortone, in onda dalle 14.