Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 14 settembre, su Italia1 Buoni o cattivi con Veronica Gentili: ospite Diletta Leotta

  • a
  • a
  • a

Torna l'appuntamento con l'approfondimento e con le storie su Italia1 martedì 14 settembre. Dalle 21,20 andrà in onda Buoni o cattivi, la trasmissione di Veronica Gentili. Lo show, prodotto da Videonews, ha come obiettivo di raccontare uno spaccato della realtà italiana, divisa tra il bene e il male. Ogni settimana, per quatto appuntamenti, il programma ospiterà una personalità diversa e con lui analizzerà, attraverso storie vere, senza filtri, il confine tra il bene e il male. Ogni puntata avrà un tema e sarà divisa in due parti: un film porterà lo spettatore dentro i fatti di cronaca; poi l’intervista tra Veronica Gentili e l’ospite che si troveranno a La Lanterna Rome, la nota cupola con la struttura di vetro e acciaio di Roma. 

 

 

Nella prima puntata, dal titolo Rosa Sangue, ci si concentra sulla violenza sulle donne, sui femminicidi che continuano ad essere una piaga sociale. Una piaga che colpisce il nostro Paese, da nord a sud, e che miete vittime senza distinzioni di classe, di reddito, di cultura o di età. Nel film si ascolteranno le toccanti testimonianze dei familiari delle vittime, ancora increduli per quanto accaduto ai loro cari; ma anche dei medici e degli infermieri, che prestano il primo soccorso e che raccontano le condizioni di arrivo nelle strutture.

 

 

Ci saranno racconti di giovani ragazze che hanno deciso di svelare le loro fragilità in rete, diventando un bersaglio facile dell’odio protetto da anonimato. Si darà spazio alle storie di donne che ogni giorno affrontano da sole le loro battaglie, cadendo e rialzandosi, contro lo sguardo indifferente del mondo. Parole come stalking, haters, revenge porn, body shaming saranno al centro della narrazione, una violenza che non fa distinzioni e che può colpire anche donne forti. Ospite di questa prima puntata è Diletta Leotta, che ha raccontato la sua reazione quando ha scoperto che sue foto private erano finite sul web.