Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' morto Gianni Nazzaro, l'autore di Quanto è bella lei stroncato da un tumore ai polmoni a 72 anni

  • a
  • a
  • a

Lutto nel mondo della musica italiana. E' morto il cantante e attore Gianni Nazzaro, che con le sue canzoni romantiche ha segnato un tratto della musica leggera degli anni ’70, tra le cui hit spicca Quanto è bella lei, è morto martedì 27 luglio al policlinico Gemelli di Roma, in seguito ad un tumore ai polmoni, all’età di 72 anni.

 

 

La notizia della scomparsa è stata data all’Adnkronos dalla sua compagna, Nada Ovcina. Era nato come Giovanni Nazzaro a Napoli il 27 ottobre 1948. Il debutto artistico avviene nel 1965, con lo pseudonimo di Buddy, imitando con successo le voci di Bobby Solo, Adriano Celentano, Gianni Morandi e altri artisti in incisioni discografiche di secondo piano. Nel 1967 ha partecipato al Festival di Napoli con il brano Sulo ppe mme e ppe te, non accedendo però alla finale. La svolta nel 1972 con il primo posto ad Un disco per l’estate 1972 con Quanto è bella lei, forse il suo più grande successo, e due anni dopo con Questo sì che è amore. Tra i successi di Nazzaro, concentrati soprattutto negli anni Settanta, figurano L’amore è una colomba (1970), Bianchi cristalli sereni (1971), Non voglio innamorarmi mai (1972), A modo mio (1974, scritta da Claudio Baglioni ed Antonio Coggio), tutte presentate al Festival di Sanremo, ed In fondo all’anima.

 

 

Per quanto riguarda la vita privata, Gianni Nazzaro è stato legato a Nada Ovcina, che gli ha dato due figli: Giovanni Junior, nato nel 1973, e Giorgia, nata nel 1976. Dopo la separazione, si è legato a Catherine Frank (vero nome Pleite Armonia Del Carmen), una ex indossatrice francese, che gli ha dato altri due figli: Davide e Mattia. Nel 2016 ha riallacciato i rapporti con la Ovcina dopo un grave incidente stradale che li ha visti coinvolti in Francia: il cantante ha perso un rene e ha rischiato di rimanere paralizzato. Nada, oltre ad essere stata la sua compagna, gli ha fatto anche da manager, agente e ufficio stampa