Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spike Lee, gaffe al festival del cinema di Cannes: annuncia in anticipo il vincitore

  • a
  • a
  • a

Spike Lee, gaffe al festival del cinema di Cannes, in Francia. Lo sceneggiatore e produttore americano, infatti, ha annunciato in anticipo la pellicola vincitrice del festival. La vittoria della Palma d’Oro è stata infatti annunciata, per errore, a inizio cerimonia, molto prima del previsto, e poi confermata alla fine, invertendo così la tradizione.

 

All’annuncio del premio alla fine, il regista si è scusato dicendo "questa è la mia seconda possibilità", ma di nuovo rischiando di rovinare il momento e di non aspettare l’arrivo di Sharon Stone che ha consegnato il premio. Fermato in tempo, Spike Lee ha evitato il secondo errore e ha annunciato con l’attrice, definitivamente, la vittoria. L'Italia è rimasta invece a "bocca asciutta". La giuria presieduta proprio da Spike Lee non ha infatti premiato "Tre piani" di Nanni Moretti. Unico sprazzo tricolore, la Palma d’Oro d’onore a Marco Bellocchio, consegnata da Paolo Sorrentino in mezzo a una standing ovation. Il regista ottantunenne ha ringraziato, commosso, parlando in italiano: "Voglio condividere il premio con la mia famiglia allargata. Le cose mi sono riuscite - ha aggiunto - hanno sempre avuto due concetti: immaginazione e coraggio, sono due cose obbligatorie nel nostro mestiere. Un regista deve avere coraggio".

 

A trionfare il film francese Titane di Julia Ducournau. È la seconda regista donna a vincere il massimo riconoscimento del Festival. Miglior attore è l’americano Caleb Landry Jones per Nitram di Justin Kurzel, miglior attrice la norvegese Renate Reinsve per The Worst person in the world di Joachim Trier. Il miglior regista è Leos Carax per Annette. Il premio della giuria è andato ex aequo ai film Haberech di Nadav Lapid e Memoria di Apitchapong Weerasethakul. Il premio per la miglior sceneggiatura va a Hamaguchi Ryusuke e Takamasa Oe per Drive my car. Ex aequo anche per il Grand Prix a Asghar Farhadi per Ghahraman e Juho Kuosmanen per Hytti n°6.