Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria jazz anticipa il concerto e proietta la partita all'arena

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Non è la prima volta che accade e per tutti coloro che tifano azzurro, speriamo non sia l’ultima. Ma spesso il calcio giocato ai massimi livelli si è intrecciato alla storia di Umbria Jazz e dei suoi protagonisti. A volte si preferì distinguere calcio e jazz, supponendo che il pubblico sarebbe stato in grado di scegliere, come nel non lontanissimo 2006, quando il concerto del compianto Pino Daniele fu letteralmente subissato dei frastuoni dei caroselli festosi che inneggiavano all’Italia campione del mondo.

 

 

Questa volta Umbria Jazz preferisce combinare tifo calcistico e musica disponendo per domenica, giorno della finale degli Europei tra Italia e Inghilterra, un programma che permette di fruire di entrambi: calcio nella suspence della finalissima e musica. Così è stato pensato un cambio di orario per la serata di domenica 11 luglio all’arena Santa Giuliana che prevede l’apertura dei cancelli alle 18,30 e alle 19 il concerto Enrico Rava-Fred Hersch con Dino Piana, Enrico Rava, Franco Piana, Dado Moroni, Gabriele Evangelista, Roberto Gatto “Al Ghir dal Bughi”.

Dalle 21 sarà trasmessa sugli schermi dell’arena la finale dei campionati Europei. Alla conclusione della partita: concerto del Julian Lage trio. Intanto Umbria Jazz ricorda che per l’accesso agli eventi del festival non è obbligatorio esibire la certificazione verde e/o green pass. Durante i concerti sarà necessario rispettare le seguenti norme anti-Covid: vale a dire mantenere il distanziamento personale di un metro e indossare la mascherina per l’intera durata del concerto. Come ulteriore cautela è bene anche ricordare di lavare e igienizzare spesso le mani. Mentre come misura di eventuale tracciamento gli spettatori sono pregati, nel caso di contrazione del Covid entro due settimane dall’evento, di comunicarlo tempestivamente alle autorità sanitarie. 

 

 

L’intensa giornata di jazz sabato 10 inizia con la presentazione del libro La storia del jazz di Luigi Onori, Riccardo Brazzale e Maurizio Franco, alle 11 alla sala dei Notari. Per arrivare alla sera con Stefano Bollani in un tributo a Chick Corea e il quartetto di Billy Hart con l’ospite speciale Ethan Iverson, saranno i protagonisti del main stage di Umbria Jazz. Una serata che si preannuncia ricolma di spunti di curiosità sul pianista italiano che più di ogni altro riesce anche a calarsi nel ruolo del divulgatore di buona musica in un’idea di musica totale, così come ha recentemente dimostrato con Via dei matti numero 0 su Raitre e nell’idea di un jazz che dal passato si proietta nel presente con Billy Hart che da solo ha attraversato la storia del jazz contemporaneo come partner di lusso di molti protagonisti, se non di tutti. Con il suo quartetto quell’Ethan Iverson che dalle commistioni pop e rock dei Bad Plus, torna al solco del miglior jazz.