Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Don Antonio Mazzi, anche Corona è stato nella sua Exodus: "Fabrizio? Divinità di se stesso"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Don Antonio Mazzi è un parroco italiano, conosciuto principalmente al grande pubblico televisivo per esser stato un protagonista storico di Domenica In condotto da Mara Venier. Nato a Verona il 30 novembre 1929, sotto il segno zodiacale del Sagittario, si è diplomato presso il liceo del Seminario vescovile della sua città natale nel 1950. Ha proseguito poi gli studi iscrivendosi all’Università di Ferrara laureandosi successivamente in Filosofia e Teologia

 

 

Tra il 1962 e il 1965 ha deciso di specializzarsi in psicologia e psicopedagogia a Bologna. Nel 1980, dopo aver vissuto numerosissime esperienze a contatto con i giovani, ha deciso di aprire la Comunità Exodus, ovvero un centro di recupero per tossicodipendenti. Oltre ad essere un presbitero e un educatore, Don Antonio è anche un giornalista professionista: ha collaborato con grandi testate giornalistiche tra cui La Stampa, Famiglia Cristiana e il Corriere della Sera. Molte delle frasi di Don Antonio Mazzi sono diventate virali sul web. Ecco le principali: L’uomo è quello che in parte si è trovato, in parte si va cercando; Meglio un lupo vero che un agnello falso; Il lavoro non è un elemento fondamentale, occorre riscoprire quali sono i grandi valori intrinseci all’uomo, poi si potrà parlare del benessere materiale; Ogni uomo possiede un fusto, le radici e la linfa: basta alzare le braccia al cielo per notare la somiglianza; Educazione è un sogno condiviso.

 

 

Don Antonio ha ricevuto ben quattro lauree ad honorem in pedagogia. Hanno fatto riferimento alla sua comunità, l’Exodus, alcuni personaggi famosi, tra cui Fabrizio Corona. Durante un’intervista però il parroco ha dichiarato che il paparazzo più famoso d’Italia gli ha solo fatto perdere tempo. "E' la divinità di se stesso", aveva affermato Don Antonio, ospite da Mara Venier nell'ultima puntata di Domenica In in onda domenica 27 giugno, su Rai1.