Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, 24 giugno, Tagadà su La7: Viaggio in Italia per un reportage sul Covid

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, giovedì 24 giugno 2021, puntata speciale di Tagadà dal titolo "Viaggio in Italia" (La7, ore 21,15). Un prime time condotto da Tiziana Panella in cui una serie di reportage, curati e girati in prima persona dalla stessa giornalista, tra le paure e le speranze di queste ultimi mesi scanditi dal Covid, per non dimenticare quanto vissuto. 

 

 

I reportage, tra i tanti, riguarderanno la prima zona rossa d’Italia a Codogno, un paese sconosciuto diventato poi il luogo simbolo della pandemia; l’omaggio ai medici delle terapie subintensive, la musica della famiglia Casadei ai bagni di Cesenatico e l’umanità straziante delle persone senza fissa dimora confortati dall’abbraccio dei medici volontari. In studio – spettatori e ospiti particolari di questo viaggio – ci saranno Claudio Amendola, Roberto Saviano, Massimo Giannini, Dodi Battaglia, Stefano Bonaccini, Marco Damilano, Chiara Valerio e Aurora Leone.  

 

 

Una puntata speciale che cade in occasione del compleanno di La7 – nata proprio il 24 giugno di 20 anni fa - che vede uno dei programmi di punta come Tagadà in prima linea. E proprio Panella è uno dei volti storici. In una recente intervista ha svelato: "Sono entrata nel 2001 come giornalista e conduttrice del Tg sotto la direzione di Gad Lerner in una rete che si andava definendo. Oggi posso dire che La7 è casa mia, la mia famiglia. Entrai in questa emittente e, dopo un anno e mezzo, nasceva mia figlia Lucia. Ho vissuto tante fasi della vita: la carriera in salita, il cambiamento da donna a mamma…". E ancora: "Ho condotto il telegiornale fino al sesto mese di gravidanza. Andavo in diretta con il pancione. La cosa divertente è che Lucia, con la sigla del telegiornale, ballava, scalciava e faceva le capriole per poi tranquillizzarsi quando cominciavo a parlare. Ricordo che mia madre, che viveva lontana, mi chiedeva di fare il lancio dei titoli del Tg mettendomi di profilo, così poteva controllare quanto crescesse la pancia".