Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paola Ferrari: l'asportazione di un cancro, la cicatrice al volto e la chirurgia estetica per labbra e seno

  • a
  • a
  • a

Paola Ferrari è una delle giornaliste sportive italiane più note al grande pubblico, ormai da anni presenza fissa nei programmi Rai. In questi giorni, da quando sono iniziati i campionati europei di calcio, è protagonista delle serate in prima tv su Rai 1. Ad ottobre compirà 61 anni ed è tifosa del Milan. E' sposata con Marco De Benedetti, figlio dell'editore Carlo e a farli conoscere è stata Alba Parietti quando lei aveva 37 anni.

 

La sua carriera è iniziata a decollare nella seconda metà degli anni Novanta: dal 1996 al 1999 conduce La Domenica Sportiva e nel 1999 passa al Tg 2 nella rubrica Costume e Società, per poi arrivare come conduttrice all’edizione delle 13 del Tg 2. Nella stagione 2002-2003 si sposta alla conduzione della trasmissione sulla Formula 1, Pole Position e nel 2003 diventa la prima donna italiana a condurre il programma 90° minuto sul campionato di calcio di serie A. Nel 2005-2006 è ancora alla conduzione de La Domenica Sportiva insieme al giornalista Marco Mazzocchi e diventa l volto della trasmissione Dribbling Mondiale in occasione dei campionati mondiali di calcio 2006, l’edizione che ha visto trionfare gli Azzurri a Berlino nella finale contro la Francia vinta ai calci di rigore.

 

Da allora è presenza fissa a La Domenica Sportiva e 90° Minuto. Spesso, tuttavia, si è parlato di lei quale volto televisivo "rifatto". In realtà pochi sanno che ha subito un intervento per l'asportazione di un cancro nel 2014, che le ha provocato una cicatrice al volto. Da allora è stata accusata di aver fatto lifting e di essersi rifatta labbra e seno. Ma lei poco tempo fa ha postato una foto di quando aveva 15 anni, mostrando di aver sempre avuto una taglia abbondante e labbra carnose. Di certo ha sempre chiesto, dopo l'intervento, luci forti e un trucco appositamente adattato per nascondere la cicatrice nelle inquadrature di primo piano, assicurando tuttavia di non essere mai ricorsa alla chirurgia estetica.