Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimiliano Rosolino, con Natalia Titova due figlie ma niente nozze: "Quelle le fanno gli altri"

  • a
  • a
  • a

Massimiliano Rosolino è uno dei nuotatori più vincenti dello sport italiano. Non si contano le medaglie vinte dal campione nato l’11 luglio del 1978 (Cancro) a Napoli da padre italiano e madre australiana. Spesso ha parlato della sua vita privata, che lo vede legato alla ballerina russa Natalia Titova: "Natalia è molto rigida, la ribattezzerei Frozen per quanto sa essere gelida, ma le nostre figlie hanno ripreso da me l'esuberanza partenopea - ha raccontato in passato Rosolino -. Una volta ero un disastro, crescendo ho imparato a far capire a una donna il mio interesse. Ho vissuto malissimo due importanti storie finite male, le circostanze possono abbatterti. Sesso prima di una gara? Secondo me dà carica e energia, anche se dentro il Villaggio Olimpico, nelle ore della gara, pensi a tutto tranne che a quello", ha precisato.

 

 

Sempre per quanto concerne la vita sentimentale, in passato Rosolino ha avuto una relazione con la conduttrice televisiva ed ex Miss Italia Roberta Capua. Dal 2006, invece, ha una storia con Natalia Titova, ballerina conosciuta durante la sua partecipazione al talent show Ballando con le Stelle. I due non hanno mai sentito il bisogno di sposarsi, ma il campione di nuoto è diventato padre il 16 luglio 2011 della prima figlia Sofia Nicole. Il 19 gennaio 2013 è nata anche la secondogenita, Vittoria Sidney.

 

 

Un amore, quello tra campione di nuoto e la ballerina, che non ha sentito il bisogno di essere formalizzato con il matrimonio, passo che non è rientrato nei loro progetti di vita: “Le nozze sono una cosa che fanno gli altri, noi ci inventeremo qualcosa di diverso”, ha affermato lui ironicamente in un’intervista di qualche tempo fa al settimanale Nuovo, ribadendo l’intenzione di entrambi di restare uniti anche senza un anello al dito che simboleggi il sentimento reciproco. Rosolino è protagonista su Canale5 del docufilm L'ultima gara, dedicato alla storia di Manuel Bortuzzo, in onda giovedì 3 giugno.