Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, 1 giugno, Le Iene svelano il dialogo tra Orsato e il Var in Inter-Juve del 2018

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, martedì 1 giugno 2021, su Italia1 è in programma una nuova puntata de Le Iene Show (ore 21,20). Conducono come ogni martedì Alessia Marcuzzi e Nicola Savino con l’appoggio esterno della Gialappa’s Band. Tra i servizi in onda questa sera ci sarà un approfondimento della sentenza di primo grado della Corte d'Assise di Taranto sul processo Ambiente Svenduto sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico ex Ilva. Per i 47 imputati sono arrivare condanne dure: 22 e 20 anni di reclusione per i fratelli Riva, Fabio e Nicola, ex proprietari e amministratori dell’Ilva che dovevano rispondere di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale. Tra i condannati c’è anche Nichi Vendola (3 anni e mezzo), ex presidente della Regione Puglia. 

 

 

Come sempre andrà in onda anche uno scherzo, stavolta ad opera della coppia formata da Stefano Corti e Alessandro Onnis: la vittima sarà Vera Gemma, l'attrice romana reduce dall'esperienza da concorrente del reality L'Isola dei Famosi. Lo scherzo vedrà le due Iene mettere a dura prova l'amore di Vera per il giovanissimo fidanzato Jeda: faranno infatti credere all'attrice che il suo fidanzato l’avesse lasciata portandole via parte del suo conto in banca. Poi un altro servizio riguarderà un virus che causa il collasso interno degli organi dei salmoni: prima ha contagiato quelli d’allevamento e poi si è diffuso a quelli selvatici. A lanciare l’allarme un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances: “Gli allevamenti intensivi di salmone fungono da amplificatori della trasmissione”, ha detto uno dei ricercatori. Le Iene insegneranno a distinguere un salmone che arriva da un buon allevamento.

 

 

Attesa poi sul servizio che riguarda la partita tra Inter e Juve del 2018. Se ne discute da anni e Filippo Roma con Marco Occhipinti faranno vedere in esclusiva il video di quello che succedeva nella sala Var in quei minuti. Manca stranamente l’audio, che nemmeno la giustizia sportiva ha potuto sentire. Leggendo i labiali dei protagonisti di quella sera però le sorprese non mancano.