Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

American Sniper, stasera in tv 30 maggio 2021 la storia del cecchino che uccise più di 160 persone

  • a
  • a
  • a

E' uno di quei film indimenticabili. Un film cult. Che stasera, domenica 30 maggio, viene trasmesso sul piccolo schermo. Va in onda in prima serata su Retequattro, "American Sniper", film del 2014 diretto da Clint Eastwood con protagonista Bradley Cooper. Si tratta di un film che si basa sull'omonima autobiografia del militare statunitense Chris Kyle.

 

 

Chris Kyle è un tiratore scelto arruolato nei Navy SEAL e sposato con Tanya. Una volta terminata l'istruzione militare, l'uomo viene inviato in missione a Falluja, in Iraq, dove viene impiegato come cecchino per proteggere i suoi commilitoni. Grazie alla sua abilità, diventa il soldato più letale nella storia delle forze armate statunitensi.
La pellicola ha ricevuto 6 nomination agli Oscar 2015, vincendo però solo per il Miglior montaggio sonoro.
Con un totale di 547.326.372 dollari è diventato il film di guerra con il maggiore incasso di sempre (battendo "Salvate il soldato Ryan") nonchè il più grande successo nella carriera di Clint Eastwood.
Nel cast figurano Bradley Cooper, Sienna Miller, Jake McDorman, Luke Grimes, Navid Negahban.

Secondo quanto riportato da History.com,

Il Pentagono ha calcolato che Kyle, durante la sua carriera, ha ucciso più di 160 persone, ma il numero reale di vittime potrebbe anche essere il doppio. Definito come uno dei cecchini più letali nella storia d'America, Chris Kyle è il figlio di un diacono e di un'insegnante. Come da tradizione texana, Kyle impara molto in fretta a tenere in mano un'arma e a soli 24 anni decide di lasciare gli studi per arruolarsi. Dopo un numero di missioni classificate - e perciò top secret - Kyle entra a far parte del plotone Charlie del Seal Team 3 e viene dispiegato in Iraq: la missione di Kyle era quella di rimanere nascosto sui tetti insieme alla sua squadra per coprire le spalle ai Marines mentre questi attraversavano la città di Baghdad, andando porta a porta.

 

 


Quello che viene raccontato in American Sniper, riguardo l'uccisione di una donna, è accaduto realmente. History.com che è la fonte di queste informazioni, ricostruisce il momento in cui il soldato, con una 300 Winchester Magnum, si trovava su uno dei tetti della città: vide la donna avvicinarsi ai marines e cercare di attaccarli con una granata. Kyle ricevette l'ordine di fare fuoco: l'uomo ebbe un attimo di esitazione, ma alla fine sparò contro la donna prima che essa potesse gravemente ferire i soldati americani. Nell'autobiografia, riguardo questo evento, Chris Kyle scrive: "Era il mio dovere fare fuoco e non ho rimorsi. Quella donna era già morta. Io dovevo solo assicurarmi che non portasse nessun Marines con sé."