Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Andrea Iannone e il giallo del doping: una vita sportiva stravolta dalla squalifica

  • a
  • a
  • a

Nella puntata di stasera in tv, martedì 25 maggio (ore 21.15 Italia 1), Le Iene cercano di fare luce su Andrea Iannone e la squalifica di quattro anni. Annunciata l'intervista allo stesso Iannone, al suo legale e a due esperti, Alberto Salomone e Pascal Kintz, che sono rispettivamente un chimico forense e un tossicologo di fama mondiale. Cercheranno di dimostrare la sua innocenza e verrà intervistato anche Jorge Viegas, il presidente della Fim. Ma cosa è accaduto al famoso motociclista? Per quale motivo la sua carriera fu letteralmente stroncata? Era il 17 dicembre 2019 quando Andrea Iannone fu squalificato per quattro anni per l'uso di sostanza dopante.

Dopo il Gran Premio della Malesia, nelle sue urine fu trovato un nanogrammo di drostanolone. E' uno steroide che aiuta a ingrossare i muscoli. Iannone sostiene che inizialmente pensò che era uno scherzo, considerato che era sempre risultato negativo, anche durante i controlli a sorpresa, ma uno scherzo non era affatto. Sono numersi gli esperti che continuano a sostenere che non si è trattato affatto di doping, ma delle conseguenze di una intossicazione alimentare a causa della carne. Kintz sostiene che Iannone ha pagato una politica fin troppo discutibile ed eccessivamente severa.

Il presidente della Fim, Jorge Viegas, propone la riduzione della pena ma la Wada non ha alcuna intenzione di fare marcia indietro. Nonostante la quantità di sostanza stupefacente era davvero minima e testimonierebbe una sola assunzione, sicuramente non utile dal punto di vista agonistico e probabilmente anche non intenzionale. Del resto sono stati effettuati anche ulteriori esami che hanno confermato che il pilota non assumeva sostanze dopanti. Ha senso la squalifica di quattro anni oppure davvero la Wada ha esagerato? Le Iene provano a spiegare e ribadire che secondo gli esperti la pena che sta pagando Andrea Iannone è sbagliata ed esagerata. Nel motociclismo Iannone, classe 1989, aveva iniziato nel 2005: aveva solo sedici anni.