Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pierfrancesco Favino, dal soprannome Picchio alle figlie Greta e Lea con Anna Ferzetti

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Pierfrancesco Favino è l'attore italiano attualmente più famoso anche all'estero, grazie alle sue interpretazioni da urlo (su tutte quelle di Buscetta e Craxi) che hanno fatto il giro del mondo. Nato a Roma il 24 agosto 1969 sotto il segno della Vergine, da padre e madre di origini pugliesi, ben presto ha deciso di intraprendere la carriera d’attore e ha frequentato l’Accademia Nazionale Di Arte Drammatica Silvio D’Amico.

 

 

Pierfrancesco è soprannominato da tutti Picchio. "Picchio nasce da mio papà - ha raccontato in una vecchia intervista -, il motivo è che non stavo mai fermo e diciamo che buona parte di quell’energia, sonno permettendo, sta rimanendo. Ha sempre amato dare soprannomi alle cose animate e inanimate e una di quelle animate sono io". Una domanda alla quale aveva già risposto nel 2012, quando il settimanale Grazia gli aveva chiesto come mai i suoi amici più intimi lo chiamassero Picchio. Favino, ridendo, aveva così commentato: "Picchio mi è più familiare di Pierfrancesco. Avrei voluto mantenerlo nel lavoro, ma immaginate un cartellone: Amleto, con Picchio Favino. No, non ci sta proprio", ha affermato con ironia tempo fa.

 

 

Per quanto riguarda la vita privataFavino è legato dal 2003 all’attrice Anna Ferzetti. I due si sono conosciuti ad una festa di amici comuni dove hanno ballato insieme per la prima volta. Pensate che secondo la versione di lei, lui durante il ballo le avrebbe pestato un piede. Avendo molti anni di differenza (Pierfrancesco è più grande di 13 anni) per molto tempo hanno vissuto in due appartamenti separati, sebbene nello stesso condominio. Insieme hanno avuto due figlie: Greta e Lea, ma non solo mai convolati a nozze. Non si conosce il patrimonio di Pierfrancesco Favino, ma essendo uno degli attori più importanti del panorama italiano, arriva a percepire 300mila euro a film. L'attore è ospite domenica 23 maggio a Domenica In, su Rai1, con Mara Venier.