Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Eurovision, i francesi accusano Damiano dei Maneskin di sniffare cocaina. Lui: "Non uso droghe" | Video

  • a
  • a
  • a

I soliti francesi che si incazz***. Parafrasando Paolo Conte, si può sintetizzare così la polemica scatenata dai giornalisti francesi, che hanno accusato Damiano dei Maneskin di aver sniffato cocaina durante le votazioni dell'Eurovision Song Contest, vinto proprio dal gruppo italiano.

 

 

Tutto nasce da un video nel quale il frontman della band abbassa la testa fino a sfiorare il tavolo: "Sta sniffando cocaina, devono squalificarli", l'accusa che monta su twitter, poi ripresa da alcuni media transalpini e non solo. Una presa di posizione imbarazzante, che ha obbligato lo stesso Damiano a una risposta ufficiale per smentire le illazioni: "No cocaine, guys, please. I don’t do drugs", ha spiegato in inglese ("Non era cocaina, ragazzi. Non uso droghe", la traduzione). In ogni caso, un bel carico di fango e veleno (onestamente, senza precedenti) su un successo che alla musica italiana mancava dal 1990, quando Toto Cutugno trionfò con l'inno all'Europa unita dopo la caduta del muro di Berlino.

 

 

A far trarre a molti considerazioni affrettate sul gesto di Damiano, anche il colpetto ricevuto dal compagno di band Ethan che sembra avvertirlo della presenza delle telecamere. "Thomas ha rotto un bicchiere", ha spiegato Damiano, motivando così il suo essere chino sul tavolo, per raccogliere dunque i pezzi di vetro da terra. Ma si sa come i francesi spesso e (mal)volentieri, quando arrivano secondi (come accaduto ai Mondiali del 2006), tendono a non accettare la sconfitta in modo sereno. I Maneskin hanno vinto l'Eurovision Song Contest a Rotterdam ribaltando al televoto l'esito del voto della giuria di qualità. La loro Zitti e buoni ha ottenuto 524 voti, battendo appunto la cantante della Francia (499 voti) e quello della Svizzera (432). Gli avversari - specie i cugini d'Oltralpe - l'hanno presa malissimo e subito dopo l'incoronazione sui social ha iniziaato a girare un video equivoco del leader della band romana. Ma sono loro, che probabilmente, dovranno rimanere Zitti e buoni.