Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Clarissa Burt, dall'amore con Troisi al successo da imprenditrice: per lei anche un libro di cucina

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Clarissa Burt è un ex modella e attrice, famosa in Italia soprattutto negli anni Ottanta, poi tornata negli Stati Uniti ha avuto successo come imprenditrice. Nata a Philadelphia, sotto il segno del Toro, il 25 aprile 1959, naturalizzata italiana, oggi vive appunto negli Stati Uniti, precisamente a Phoenix, in Arizona, e ha avviato una brillante carriera nel settore delle start up. Dopo aver vissuto e lavorato a lungo in Italia, dunque, è tornata nella sua terra per coltivare la grande passione per la comunicazione e la promozione di idee innovative nel mondo dell’imprenditoria.

 

 

In the Limelight Magazine è il portale multimediale (contenente video, articoli, blog e radio) che ha creato per favorire imprenditrici, prodotti e servizi utili interamente dedicati all’universo femminile. Per quanto riguarda la vita privata, Clarissa è stata spesso al centro delle cronache rosa, soprattutto negli anni Ottanta quando emerse la sua relazione con Massimo Troisi. Nel 2003 ha ricevuto la cittadinanza italiana dall’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Nel 2004 è stata concorrente della prima edizione del reality show La talpa, 6 anni dopo ha partecipato a L’isola dei famosi

 

 

La celebrità come modella è arrivata grazie agli spot per alcune delle più importanti maison di moda (come Dior). Il suo primo film (nella sua filmografia se ne contano oltre 20) è stato Caruso Pascoski (di padre polacco), diretto da Francesco Nuti, anno 1988. Ha lavorato anche come produttrice e autrice tv. Ha scritto diversi libri, tra cui Italiana Cucina Naturale Senza Glutine. E' inoltre stata insignita del Certificate of Global Honor dall’Università di Pune, in India, e del premio Women of Excellence dal Women’s Economic Forum di Los Angeles. Clarissa Burt è ospite domenica 16 maggio nella puntata di Domenica In, su Rai1 con Mara Venier, nella parte dedicata a Francesco Nuti.