Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tv7, dalla sanità Lucana al paese dove gli uomini rimanevano scapoli. Il caso Emanuela Orlandi

  • a
  • a
  • a

Come tutti i venerdì, anche stasera in tv, 14 maggio, su Rai 1 in seconda serata l'amato Tv7. Approfondimenti su alcuni degli argomenti di attualità oppure su personaggi del presente e del passato. Inizio alle ore 24 con il servizio In attesa di cura, un viaggio nel mondo della sanità lucana dove si vive "tra rassegnazione e sgomento". Saranno affrontati anche i drammi del lavoro nero. Ancora tragedie. Si chiamava Flamur, aveva 50 anni, era un operaio esperto. Una trave è crollata nel polo Amazon di Alessandria. Ma anche Ester che in Brianza ha perso il figlio Gabriele, così come altre storie. Nei primi tre mesi dell'anno 2021, ben 185 morti, due al giorno. 

Un servizio dedicato all'attentato di quaranta anni fa, quando in Piazza San Pietro il turco Alì Agca cercò di uccidere Papa Giovanni Paolo II. Nonostante da allora sia trascorso quasi mezzo secolo, ancora non è chiaro cosa accadde, come, perché e chi aveva ordinato l'omicidio. E due anni dopo che fine ha fatto Emanuela Orlandi? Ne parlano il fratello Pietro; il giudice che indagò sulla pista bulgara, Ilario Martella, e Gianluca Falanga, l’italiano che da anni si occupa dei servizi segreti dell'allora Germania Est. Altro tema di questa sera sarà lo smart working che ha avuto un clamoroso e imprevedibile sviluppo proprio a causa del Covid 19. A Milano si sono svuotati grattacieli che ospitavano gli uffici e ci hanno rimesso anche ristoranti e bar. Cosa accadrà in futuro? Si tornerà in quelle stanze oppure molte aziende hanno compreso che sotto alcuni aspetti il sistema smart è ancora meglio?

“La letteratura che dura nel tempo non è quella che si propone di cambiare il mondo ma quella che si propone di raccontare le contraddizioni”: lo sostiene Walter Siti, scrittore, intellettuale, curatore della raccolta delle opere di Pasolini, che si racconta a Tv7.  Uno degli artisti più interessanti della scena soulful hip hop italiana, inoltre, è Davide Sciortino, in arte Shorty, che col suo ultimo album rivendica il diritto alla complessità, musicale e artistica. Shorty è un mix fortunato che lo rende al contempo popolare ma unico. Infine dagli archivi un servizio da Miroglio, un piccolo comune della provincia di Cuneo, dove nel 1963 nessuno si sposava. Ben 34 scapoli e tre ragazze. Come sono finiti i corteggiamenti?