Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marco Tardelli: "Sono sempre stato dalla parte delle donne, mai escluderle"

  • a
  • a
  • a

"La partita è ancora lunga ma uniti si vince". L'avversario è il Covid, ma le parole sono di uno che le partite le ha vinte spesso, a partire da quelle mondiali di Spagna 1982: Marco Tardelli. L'ex giocatore di calcio, centrocampista, campione del mondo, uomo simbolo del calcio degli anni Ottanta, poi allenatore e opinionista, un paio di settimane fa si è sottoposto al vaccino contro il virus e ha pubblicato le foto mentre il farmaco gli veniva somministrato. Sul suo profilo Instagram ha voluto ringraziare gli operatori sanitari "per l’impegno quotidiano in questa grande campagna di vaccinazione". E sottolineato, appunto, che "uniti si vince".

Marco Tardelli, classe 1954, stasera (sabato 8 maggio) sarà uno dei tre ospiti di Ciao Maschio, la trasmissione condotta da Nunzia De Girolamo, in programma su Rai 1 a partire dalle 23.50. Si confesserà senza veli, così come faranno gli altri due maschi presenti in studio, Giorgio Borghetti e Francesco Facchinetti. Del resto Tardelli avrebbe molto da raccontare e non solo per la sua splendida avventura da calciatore. Anche la sua vita privata è stata intensa. Dalla prima moglie Alessandra ha avuto la primogenita Sara, oggi affermata giornalista. Dalla seconda, Laura, nessun figlio. Poi la lunga relazione d'amore con Stella Pende, mamma del secondogenito Nicola. Ma dal 2016 Marco Tardelli ha un altro grande amore. Fa coppia con Myrta Merlino, giornaliste e conduttrice di La7, padrona di casa di L'aria che tira

Tardelli dal punto di vista agonistico non si è mai tirato indietro e nemmeno nelle polemiche. Non avrà certo i brividi per le domande di Nunzia De Girolamo. Nato il 24 settembre 1954 a Careggine, in provincia di Lucca, ha dedicato tutta la sua vita al calcio. In campionato ha giocato 259 volte con la Juventus e 43 con l'Inter (oltre che con Pisa, Como e San Gallo). Ha brillato con la maglia azzurra: 81 presenze, sei gol, tra cui storico quello contro la Germania nella finale di Spagna 1982. Lunga anche la carriera da allenatore. Negli ultimi anni si è imposto per i suoi commenti, non solo in relazione al calcio. Stasera sarà ancora una volta protagonista. "Sono sempre stato dalla parte delle donne - ha detto parlando della sua partecipazione di stasera alla puntata - Ciao Maschio è un escludere il maschio e non va bene, ma io sono sempre stato con le donne".