Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 8 maggio, su Rete 4 il documentario Milano 2020 sulla diffusione del Covid

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, sabato 8 maggio, su Rete 4 c'è il documentario Milano 2020, che ricostruisce l'inizio del Covid nel capoluogo lombardo. Il docufilm ripercorre quei giorni di fine febbraio 2020 convulsi e preoccupanti, che portarono alla scoperta e diffusione del morbo poi nel resto del Paese. 

 

I primi giorni di diffusione esponenziale del virus, visto attraverso le sale rianimazione dell’ospedale Policlinico e dell’ospedale San Raffaele, la redazione di un quotidiano milanese, la sala operative del comando dei carabinieri, il volontariato di Emergency e della Casa della Carità. “Milano 2020” racconta anche la storia di Diego, 18 anni compiuti due settimane prima che in Italia esplodesse l’emergenza Covid. Anche se giovane e perfettamente sano, i suoi polmoni sono stati letteralmente “bruciati” dal virus. A salvarlo è stato un trapianto record effettuato al Policlinico di Milano e mai tentato prima in Italia. Il docufilm è la cronaca in presa diretta dei 70 giorni in cui tutto è iniziato. Con immagini inedite, storie personali e tante testimonianze, tra cui quelle di Don Virginio Colmegna (Casa della Carità), Mario Nosotti (Policlinico), Marco Tarquinio (Avvenire) e Alberto Zangrillo (San Raffaele).

 

Milano 2020 è realizzato dalla casa di produzione Magnitudo Film, da un’idea di Vito Salinaro, co-autore con Stefano Paolo Giussani. Alla regia, Francesco Invernizzi e Stefano Paolo Giussani (in collaborazione con Arma dei Carabinieri, Gruppo San Donato, Ospedale San Raffaele, Policlinico di Milano, Emergency, Casa della Carità). Un'occasione che, quindi, consente di rivivere quei giorni concitati e imprevisti, dove la parola "pandemia" era ancora sconosciuta ma durante i quali ci si rese conto di avere a che fare con qualcosa di ignoto, pericoloso e difficile da monitorare. Un grande produzione Mediaset che ci riporta indietro di pochi mesi che pure, per tutto quello che ne è seguito, oggi sembrano quasi distanti anni luce.