Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tv7, dalle riaperture a Ventotene che diventa porta d'Europa. E poi Caparezza

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, venerdì 7 maggio, in seconda serata su Rai 1, torna Tv7. Inizio a mezzanotte e replica alle ore 15 di domani, sabato 8 maggio. Come sempre una puntata particolarmente ricca, a iniziare della situazione delle Rsa che non saranno più luoghi chiusi: il governo vuole riaprire alla visita dei parenti. Ma le residenze sanitarie sono destinate a tornare ad una “normalità” carica di problemi, come le carenze di personale che incidono sul tema mai risolto della contenzione. In Piemonte la ricerca del difensore civico regionale ha mostrato quanto le strutture per anziani facciano ricorso a metodi di contenimento, indicando cosa fare per non trasformarlo in abuso. A seguire La diplomazia dei vaccini. Le scelte che gli Stati stanno facendo, dettano nuove diplomazie. Mentre la debacle dell’India mette in seria difficoltà il programma Covax dell’Oms, Biden appoggia la sospensione dei brevetti, e tra qualche settimana sarà San Marino il primo Paese al mondo Covid free: un successo diplomatico anche per la Russia, che ha prodotto lo Sputnik. La partita geo-politica che si sta giocando sui vaccini, può cambiare l’assetto delle attuali relazioni internazionali? Ne parleranno, tra gli altri, Paolo Magri, direttore dell’Ispi; Tania Cernuschi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e Igor Pellicciari, professore di Relazioni Internazionali all’Università di Urbino. 

Al centro della puntata anche il tema del turismo, delle isole Covid free e dei passaporti vaccinali: la Grecia è in prima linea in Europa.  La sua industria del turismo è la più colpita dalla pandemia tra i 27 paesi dell’Unione ed ha già annunciato che il 14 maggio aprirà ai visitatori di tutto il mondo muniti di pass. Tra Santorini e Paros, Tv7 proporrà un reportage dalle isole greche che si preparano a ricevere i turisti.  Il 6 maggio 1976, l’Orcolat, il mostro che la tradizione popolare indica come causa del terremoto in Friuli, uccideva più di 900 persone e ne lasciava 200mila senza casa. 45 anni dopo, la ricostruzione del Friuli resta l’esperienza che ha avuto pieno successo in Italia, uno choc terribile, dal quale però è nata la Protezione Civile. Un modello basato sulla partecipazione popolare, col coinvolgimento delle comunità locali in dibattiti infuocati, ma fondamentali. Quasi mezzo secolo dopo, i racconti dei testimoni di quella notte e degli anni che ne sono seguiti. 

A seguire l’approfondimento Isola d’Europa, dedicato a Ventotene: tra il reportage e la storia. Alla vigilia della festa dell’Europa, Tv7 nell’isola di Ventotene, nei secoli terra di confino. A partire da Giulia, figlia di Augusto, la prima donna nella storia a subire tale sorte. Fu considerata spudorata e licenziosa, secondo la lettura imposta dalla ragion di Stato. Secoli dopo, durante la dittatura, a essere confinati nell’isola furono gli antifascisti. E qui, con il Manifesto di Ventotene, si posero le basi di quell’Europa che il 9 maggio festeggia il 71esimo compleanno. A proposito di compleanni, per Caparezza è tempo di “mutamento”. Il suo ingresso nell'età adulta, il cambiamento che questo impone e il coraggio di cambiare, indispensabile anche per affrontare le problematiche che la pandemia ci ha messo davanti. C’è tutto questo nel suo ultimo lavoro.  Tv7 stasera si concuderà con Come eravamo: dagli archivi una domenica di primavera sulla spiaggia di Fregene, ad una trentina di chilometri da Roma. Ecco cosa accadeva anni e anni fa.