Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, 29 aprile, Piazzapulita su La7: gli ospiti di Corrado Formigli e le anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, giovedì 29 aprile 2021, torna l'appuntamento con Piazzapulita il talk di approfondimento dei temi d'attualità condotto su La7 da Corrado Formigli a partire dalle ore 21,15. Tantissimi i temi che verranno toccati durante la lunga diretta: l'Italia che riapre, le polemiche sul lockdown e il coprifuoco, il Recovery Fund, le notizie che arrivano dalla Francia sull'arresto degli ex terroristi (alcuni si sono costituiti nelle ultime ore dopo essere scappati). 

 

 

Formigli tornerà sul tema che, nella precedente puntata, dopo le dichiarazioni di Claudio Borghi aveva fatto tanto discutere. Sette giorni fa il deputato leghista sostenne che il lockdown non serve e non ha portato alcun beneficio all’Italia nella lotta al Covid. Dichiarazioni che sono suonate come uno schiaffo in pieno volto a milioni di italiani che per mesi hanno rinunciato alle loro libertà individuali al fine di combattere la pandemia che solo nel nostro Paese ha causato oltre centomila morti. Formigli tornerà sull'argomento con un’inchiesta imperdibile e con interviste ai più autorevoli scienziati al mondo. A seguire, si parlerà della discussione sul Recovery Fund. Nei giorni scorsi il premier Draghi ha presentato all’Aula di Montecitorio il Piano italiano per il Next generation con cui l’Italia si candida a ricevere i fondi europei necessari a ripartire dopo la pandemia. Il tempo però stringe e all’interno della maggioranza continuano a fioccare le polemiche sull’utilizzo dei soldi che dovrebbero salvare il Paese dal baratro della recessione economica.

 

 

Numerosi sono, come ogni giovedì, gli ospiti di Formigli, ecco nel dettaglio chi sono: il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini; il direttore dell'Osservatorio Conti Pubblici Italiani, Carlo Cottarelli; l'informatico epidemiologo Alessandro Vespignani; lo storico dell'arte Tomaso Montanari; la deputata del Partito Democratico, Beatrice Lorenzin; infine i giornalisti Mario Calabresi, Paolo Mieli, Francesca Nava e Federico Rampini.