Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le influencer vogliono un sindacato. L'ironia di Dagospia: "Fanno lo sciopero delle stories?"

  • a
  • a
  • a

Anche le influencer vogliono il loro sindacato per tutelare i diritti del loro lavoro a favore delle imprese. Insomma non solo borsette o trucchi, ma compensi ben stabiliti. La proposta è stata lanciata da Mafalda De Simone (176.000 follower su Instagram) in un servizio apparso su Il Messaggero. La proposta punta a replicare il modello statunitense e anglosassone, dove "dal 2020 le sigle Aic (American Influencer Council) e Tcu (The Creator Union) regolano gli aspetti economici del mestiere, supervisionando i contratti e garantendo un trattamento paritario alle star del web", si legge nel servizio.

 

Ma l'idea di un sindacato delle influencer ha scatenato l'ironia di Dagospia. "Siamo alle comiche finali", si legge nel titolo del sito d'informazione diretto da Roberto D'Agostino. "Le influencer chiedono un sindacato per proteggere i diritti di chi si spara selfie e pose. Cosa minacciano altrimenti, lo sciopero delle stories?", si rincara nella presentazione del pezzo per poi aggiungere in maniera perfida: "Ma il sindacato non dovrebbe tutelare chi lavora veramente?".

 

 

Il servizio de Il Messaggero, ripreso da Dagospia, interroga diverse star dei social sulla questione. "È un errore pensare di far tutto da soli - racconta Paola Di Benedetto, vicentina di 26 anni e regina di Instagram con un milione 700.000 follower - bisogna proteggersi, avere alle spalle qualcuno che ti preceda e tratti per te con le aziende. In Italia è difficile che quello degli influencer venga considerato un lavoro: dai 50.000 follower in poi, trattare da soli non conviene, meglio rivolgersi a un' agenzia". Per la trentenne Martina Chiella, beauty influencer da 301.000 seguaci la proposta del sindacato "è intelligente. Spesso il nostro lavoro è visto come un hobby. Le stesse aziende non hanno capito che con le cose che ci regalano non ci paghiamo il mutuo di casa. Il regalo non è un pagamento: la tavola non la apparecchio con le borse e con le creme".